Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

La settimana mondiale delle vaccinazioni

Circa 20 milioni di bambini nel mondo non ricevono i vaccini di cui hanno bisogno

La settimana delle vaccinazioni è promossa dalla Organizzazione Mondiale della Sanità per sensibilizzare la popolazione e gli operatori sanitari sulla importanza dei vaccini in tutte le fasi della vita. E’ iniziata il 20 aprile a livello europeo (European Immunization Week 20 - 26 aprile 2020) e prosegue dal 24 -30 Aprile 2020 con il World Immunization Week. La settimana è sostenuta da partner nazionali ed internazionali, tra cui il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

Le vaccinazioni, come sottolinea l'OMS salvano milioni di vite ogni anno e sono ampiamente riconosciute come uno degli interventi sanitari più efficaci e convenienti al mondo. Tuttavia, la copertura globale delle vaccinazioni è rimasta la stessa negli ultimi anni e ci sono ancora circa 20 milioni di bambini nel mondo (dati OMS e Unicef) che non ricevono i vaccini di cui hanno bisogno. Nel 2018, circa 20 milioni di bambini nel mondo (oltre 1 su 10) non risultano vaccinati contro il morbillo, difterite e tetano (dati OMS e Unicef). Le coperture vaccinali contro difterite, tetano e pertosse a livello globale si sono arrestate all'86% circa dal 2010.

Questa quindicesima edizione della settimana europea pone al centro il messaggio fondamentale secondo il quale l'immunizzazione è vitale per prevenire malattie gravi e proteggere la salute e il benessere a tutte le età. Prevenire, proteggere ed immunizzare (Prevent, Protect, Immunize), sono le tre parole chiave anche in un anno così particolare come questo, in cui la sanità mondiale è travolta dalla pandemia da Covid - 19.

Secondo l'OMS è essenziale che i Paesi mantengano il più possibile le normali attività vaccinali, soprattutto per le vaccinazioni del ciclo primario (in particolare i vaccini contenenti morbillo - rosolia o pertosse, poliomielite e altri vaccini combinati) e quelli per le persone più vulnerabili (in particolare contro influenza e pneumococco). Una interruzione dei servizi vaccinali, infatti, anche se temporanea, porterebbe ad un accumulo di persone suscettibili e a un maggior rischio di epidemie di malattie prevenibili da vaccino. E' fondamentale ridurre al minimo questo rischio, soprattutto in un sistema sanitario già provato dalle risposte alla epidemia di Covid - 19.

Gli scienziati di tutto il mondo stanno lavorando per cercare un vaccino efficace contro il coronavirus e tutti sperano di poterne presto usufruire. L'attuale esperienza dovrebbe indurre a riflettere sulla importanza delle vaccinazioni e su come queste abbiano contribuito alla eradicazione, eliminazione o comunque al controllo di molte malattie infettive e al miglioramento delle condizioni sanitarie della popolazione.

Nonostante i progressi raggiunti in tutto il mondo, continuano a verificarsi focolai d morbillo, difterite e altre malattie prevenibili con i vaccini. L'86% di copertura vaccinale che corrisponde a circa 116 milioni di bambini vaccinati nel mondo, può sembrare un valore alto, ma non è sufficiente. E' necessaria una copertura del 95% in tutti i Paesi e le Comunità per proteggere i bambini da malattie gravi, spesso mortali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per approfondimenti consultare il sito ISS- Epicentro: https://www.epicentro.iss.it

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • ma siamo proprio sicuri che, su una popolazione mondiale di circa 7,5 miliardi di persone, l'86% di copertura vaccinale corrisponda solo a circa 116 milioni di bambini ? Mi sbaglierò, ma ho la sensazione che in tutto il mondo ci siano ben più di 116 milioni di bambini, perchè mi sembra quasi impossibile che il tasso di natalità sia davvero così basso

  • Le vaccinazioni sono necessarie, anche per malattie "debellate" o presunte tali visto i nuovi focolai di morbillo e simili. Certo hanno un costo, ma sono soldi ben spesi.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento