Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

“Molnupiravir” in studio nuovo farmaco antivirale contro Sars-Cov-2

In fase II-III ha dimostrato attività ad ampio spettro contro i virus a RNA respiratori

Il trattamento dell'infezione da Sars- CoV-2 con un nuovo farmaco antivirale il Molnupiravir (o MK-4482/Eidd-2801) sembra sopprimere completamente la trasmissione del virus entro 24 ore. A provarlo sono stati i Ricercatori dell'Istituto di Scienze biomediche della Georgia State University.

Gli antivirali approvati fino ad oggi contro la Covid 19, come il Remdesivir, primo farmaco autorizzato negli USA, ma considerato oggi non efficace dall'OMS, non possono essere somministrati per via orale e questo li rende scarsamente adatti per il controllo della trasmissione del virus.

Gli scienziati della Georgia State University, guidati dal professor Richard Plemper, avevano segnalato nei mesi scorsi lo sviluppo di un inibitore dei virus influenzali efficace per via orale, il Molnupiravir che è stato riproposto per l'uso contro il Sars- CoV-2 ed è attualmente in studi clinici di fase II/III.

I Ricercatori hanno indagato l'efficacia somministrando terapeuticamente per mitigare l'infezione da Sars.CoV-2 e bloccando la trasmissione nei furetti che trasmettono il virus in modo simile alla popolazione umana giovane adulta.

Nella stessa gabbia, gli animali infetti e poi trattati, con i furetti non trattati, nessuno dei contatti è stato infettato - ha spiegato il coautore professor Josef Wolf, per contro, tutti i contatti di furetti che avevano ricevuto placebo sono stati infettati.

Il trattamento terapeutico negli animali infetti con Molnupiravir due volte al giorno ha ridotto significativamente il carico di Sars - CoV -2 nel tratto respiratorio superiore e ha completamente soppresso la diffusione del virus nei confronti degli animali da contatto non trattati.

La sintesi:

Questo studio, pubblicato su Nature Microbiology ha identificato il MOLNUPIRAVIR orale come una promettente contromisura antivirale per rompere le catene di trasmissione del Coronavirus. E' la prima dimostrazione di un farmaco disponibile per via orale in grado di bloccare rapidamente la trasmissione di Sars - CoV-2 - ha spiegato il professor Plemper.

Il farmaco ha dimostrato una attività ad ampio spettro contro i virus respiratori a RNA; il trattamento orale di animali infetti con il farmaco riduce la quantità di particelle virali emesse di diversi ordini di grandezza, diminuendo la trasmissione. Queste proprietà lo rendono un importante candidato per il controllo farmacologico del Coronavirus. Poichè il farmaco può essere assunto per via orale, il trattamento può essere avviato precocemente e portare ad un triplo beneficio: inibire nei pazienti la progressione  della Covid verso una forma grave; abbreviare la fase infettiva e ridurre rapidamente i focolai locali.

Se questi dati basati sui furetti saranno confermati sull'uomo, i pazienti Covid trattati con questo farmaco potrebbero essere non più infettivi entro 24 ore dall'inizio del trattamento.

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • questo Molnupiravir sembrerebbe offrire delle prospettive davvero molto interessanti. Ora si tratta di attendere che gli studi clinici di fase II/III si completino, per poter così vedere se i dati basati sui furetti si confermeranno anche sull'uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento