Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

Terra dei fuochi: relazione causale tra rifiuti e l'insorgenza dei tumori

La conferma nel Rapporto Procura-Istituto Superiore di Sanità

Il Procuratore di Napoli Nord, Francesco Greco, il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro e il Procuratore Generale di Napoli, Luigi Riello hanno fatto il punto sulla situazione delle aree definite "Terra dei fuochi" tra Napoli e Caserta, oggetto del report  del giugno 2016 della Procura di Napoli Nord  che dimostra la relazione causale  o anche di concausa, tra l'insorgenza di gravi malattie, come alcune  forme tumorali, l'asma e le malformazioni congenite e lo smaltimento illegale dei rifiuti.

Per il dottor Brusaferro "E' necessario sviluppare un sistema di sorveglianza epidemiologica  integrata  con dati ambientali, in particolare nelle province di Napoli e Caserta, così come nelle altre aree contaminate nel nostro Paese, in modo da individuare appropriati interventi  di sanità pubblica, a partire da azioni di bonifica ambientale". Secondo il Procuratore Greco "Proprio le bonifiche devono partire immediatamente. Nella fascia di territorio di Napoli e Caserta è l'emergenza più importante dopo il Covid".

L'intesa tra Procura e ISS aveva l'obiettivo di raccogliere e condividere dati, in particolare relativi  agli eccessi di mortalità, alla incidenza tumorale  ed alla ospedalizzazione  per diverse patologie  che ammettono tra i fattori di rischio  accertati o sospetti  l'esposizione  ad inquinanti  e produrre una mappa  di rischio  nei 38 Comuni di quel circondario  dove è stata alta l'incidenza  delle attività ambientali illecite. La mappa conta 2767 siti di smaltimento illegale dei rifiuti nei 38 Comuni che insistono su 426 Km quadrati  e su cui è competente la Procura  di Napoli Nord. Più di un cittadino su tre, cioè il 37% dei 354mila residenti nei 38 centri, vive  ad almeno 100 metri  di distanza  da  uno  di questi siti, sorgenti di emissioni di composti chimici per la salute. La mappa, inoltre, distingue i 38 Comuni  in quattro classi, con fattori di rischio crescenti: classe uno = meno esposti a fattori inquinanti, classe quattro = i più esposti (Giugliano e  Caivano).

La mortalità e l'incidenza del tumore mammario è significativamente maggiore tra le donne dei Comuni inclusi  nella terza e quarta fascia, come per l'ospedalizzazione per asma, già alta rispetto al resto del territorio.  Anche le malformazioni congenite, già numerose, sono maggiori nei Comuni  del livello  quattro. L'incidenza delle leucemie e dei ricoverati per asma nella popolazione da 0 a 19 anni aumenta  significativamente  nei Comuni di classe quattro.

Questi risultati evidenziano l'esigenza  di specifici interventi:  blocco degli sversamenti e bonifiche, ma sono indispensabili anche l'organizzazione di un percorso virtuoso di gestione del ciclo dei rifiuti  e la sorveglianza  epidemiologica  permanente  delle popolazioni, con  implementazione  della attività sanitaria di prevenzione e di screening.

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • "La terra dei fuochi" era, 2000 anni orsono, e fino al 1860, la Campania Felix, una zona agricola produttrice di derrate alimentari esportate in tutta l'Europa. Negli anni 80' scorsi furono costruite infrastrutture e un enorme centro commerciale all'ingrosso, i pochi terreni rimasti furono abbandonate perché improduttivi e "Qualcuno" le utilizzò per discariche abusive anche di materiali inquinanti. Dove lo Stato è assente ......., ecco cosa avviene.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento