Esse come sicurezza

Esse come sicurezza

Droga in stazione? Scoperta l'acqua calda. Brumotti vada invece davanti al parlamento e ai tribunali

L'inviato di Striscia si attivi per chiedere alla politica e alla magistratura di fare qualcosa per cambiare le leggi, e non addossare sempre responsabilità alle forze di polizia invocando controlli con "armi" spuntate, perché la pena è una pena certa sì, ma al ribasso

Vittorio Brumotti a Piacenza

Striscia la Notizia a Piacenza davanti alla stazione per dimostrare che si spaccia? Scoperta l'acqua calda da noi come in tante altre città d'Italia dove i dintorni delle stazioni ferroviarie sono diventati, nel tempo, un supermarket delle droghe  in mano a "commessi spacciatori" che spesso sono in Italia invocando l'accoglienza umanitaria, ma di fatto spacciando morte. Ma a Piacenza, a differenza di tantissime altre realtà, le forze di polizia, con fatti e le operazioni, hanno dimostrato di esserci. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Basta guardare anche su Internet gli arresti per spaccio effettuati dalla polizia di Stato, dei carabinieri e di tutte le altre forze dell'ordine negli ultimi anni. Così come basta guardare le statistiche nazionali dove si nota che a Piacenza i reati emersi per spaccio sono aumentati proprio perché scoperti. Quello che c'è da chiedersi è: dove sono tutte quelle persone arrestate per spaccio? Ve lo dico io: a spacciare. Grazie a leggi colabrodo di un Paese in cui se si vogliono adottare provvedimenti per combattere tutto questo, si mobilitano associazioni e un certa politica che vogliono la liberalizzazione delle droghe, che effettuano manifestazioni per i detenuti dimenticandosi delle vittime dei reati; che vogliono un'accoglienza scellerata; che firmano petizioni per terroristi; che vogliono,  attraverso una semplice domanda di rifugiato politico, anche se non accertato, che la stessa domanda sia una immunità contro l'espulsione anche se commetti un crimine; che se sputi in faccia a un poliziotto è un fatto di lieve entità; che se minacci un poliziotto o un giudice in udienza alla fine non ti succede nulla; che se si approva l'uso del taser non va bene; che se usi la forza per fermare un violento non va bene. E potrei continuare all'infinito. Pertanto, bene fa Striscia la Notizia a denunciare tutto ciò, ma si rechi anche davanti al parlamento e davanti ai tribunali per chiedere alla politica e alla magistratura di fare qualcosa per cambiare le leggi, e non addossare sempre responsabilità alle forze di polizia invocando controlli con "armi" spuntate, perché la pena è una pena certa sì, ma al ribasso.

Esse come sicurezza

La sicurezza, i problemi e le questioni legate al ruolo che oggi la Polizia di Stato riveste nel nostro territorio e in tutto il Paese, commentate e approfondite dal Siap di Piacenza. Interviene direttamente Sandro Chiaravalloti, segretario provinciale e regionale, e membro del direttivo nazionale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento