Esse come sicurezza

Esse come sicurezza

«Le nuove norme del Codice della strada troppo severe per chi ha una colpa lieve»

Si sono inasprite così tanto le norme, che stanno punendo severamente anche chi, banalmente, per un sinistro dovuto a semplici distrazioni o altro, ha prodotto ferite superiori a 40 giorni

Oggi la Polizia Stradale compie 69 anni e la prego, oltre a poter fare un intervento sulla sicurezza stradale, concedermi la possibilità di estendere gli auguri miei personali e di tutto il Siap a tutte le donne e uomini della Polstrada che negli anni hanno fornito un impegno costante, anche a caro prezzo, a favore della collettività sotto il piano della sicurezza stradale e, in particolar modo, nelle grandi arterie stradali. Un servizio svolto con competenza e professionalità grazie alla abnegazione e al grande senso di appartenenza in una delle specialità più prestigiose della Polizia Di Stato che, a mio parere, insieme al servizio delle volanti e alla gazzelle dei carabinieri, sono la punta di diamante del vero controllo del territorio, senza dimenticare il supporto dei colleghi della Polizia Municipale ai quali va la mia solidarietà in quanto, notizia recente, attraverso i loro sindacati, non sono ancora riusciti ad ottenere il riconoscimento delle “cause di servizio”.  

Un servizio, quello della Polstrada, che quotidianamente è mirato a salvare vite umane in un contesto dove troppe sono ancora le vittime e oggi, purtroppo, grazie alle nuove norme le vittime sono anche altre. Infatti, con le nuove norme del codice della strada, non è affatto diminuito il numero delle persone decedute in un sinistro stradale – dati Istat- facendo emergere che i provvedimenti estremamente punitivi non sempre sono la soluzione soprattutto quando, come in questo caso, le nuove norme stanno a mio parere producendo altre vittime: gli automobilisti in genere.   

Era sicuramente necessario che si facesse qualcosa per punire severamente chi, in stato di ebbrezza alcolica o non, dopo aver causato un incidente stradale ometteva il soccorso; o chi in stato alterato per vari motivi, sentendosi il campione del mondo di formula 1, strappava via delle vite umane. Ma facendo leva su queste necessità, a mio modesto parere, si sono inasprite così tanto le norme, che stanno punendo severamente anche chi, banalmente, per un sinistro dovuto a semplici distrazioni o altro, ha prodotto ferite superiori a 40 giorni. 

Attraverso il mio lavoro, personalmente e sindacalmente, ho conosciuto e conosco persone che sono finite in un tunnel da dove non si sa come ne usciranno, per semplici e banali sinistri che, proprio perché una delle persone coinvolte ha superato i 40 giorni di prognosi, si sono visti revocare la patente e avviare un iter penale per una semplice manovra che potrebbe capitare ad ognuno di noi. Non solo, in questi casi, per il risarcimento dei danni, diventano ancor di più vittime i feriti stessi, che per vedersi risarcire un danno dovranno aspettare la fine del procedimento penale e forse dopo questo, dover avviare un procedimento civile in un paese dove già i processi hanno durata biblica. Alla fine, forse, visto che i morti non calano, gli unici a guadagnarci ancora sono le assicurazioni, in quanto con l’allungarsi delle procedure il cittadino ancor di più potrebbe essere costretto ad accettare proposte di risarcimento ridicole. Una domanda quindi giunge spontanea: chi ne ha giovato di tutto questo?

Esse come sicurezza

La sicurezza, i problemi e le questioni legate al ruolo che oggi la Polizia di Stato riveste nel nostro territorio e in tutto il Paese, commentate e approfondite dal Siap di Piacenza. Interviene direttamente Sandro Chiaravalloti, segretario provinciale e regionale, e membro del direttivo nazionale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • La domanda e' retorica ma mi piacerebbe formulare comunque una risposta. Un iter civile/penale come quello che lei descrive costa al cittadino almeno diecimila Euro, tra parcelle di avvocati, tasse di registro, tasse varie; oltre ad aprire una questione non da poco su chi deve quantificare i giorni di prognosi, beninteso.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento