rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022

Correva l’anno 2002: Trespidi e Pugni candidati insieme in Forza Italia

Nella lista di Forza Italia di quei tempi a sostegno di Gianguido Guidotti (centrodestra) presenti ben due candidati a sindaco di oggi

Beppe Grillo all’epoca girava ancora l’Italia con i suoi spettacoli e i computer li distruggeva dal palco. Non aveva ancora scoperto la rete, su stimolo dell’amico Gianroberto Casaleggio, e il Movimento 5 Stelle era lontano da venire. Correva l’anno 2002 e stava per iniziare in quei mesi primaverili la parabola magica del giovane Roberto Reggi, sindaco di Piacenza per due mandati, prima di spiccare il volo per Roma.

A quelle elezioni di ben quindici anni fa, in una lista del centrodestra, erano presenti due candidati alla carica di consigliere che oggi corrono contro il centrodestra da candidati sindaco.

Andrea Pugni, il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle – anche se i suoi detrattori del Meet Up evidenziano la mancanza della certificazione della sua vittoria alle Comunarie – alle Amministrative del 2002 c’era già. Era candidato nella lista di Forza Italia, a sostegno del candidato sindaco Gianguido Guidotti, che poi perse al ballottaggio con Reggi.

Il regolamento del Movimento 5 Stelle lo permette: anche Rosarita Mannina, la sfidante di Pugni alle Comunarie, si era candidata sindaco nel 2007 con una sua lista civica vicina al centrodestra. L’importante è non essersi mai candidati dall’avvento sulla scena del Movimento 5 Stelle in poi. Curioso che i 5 Stelle piacentini abbiano pescato nel campo del centrodestra i propri riferimenti cittadini.

Pugni, poco più che trentenne, in quelle Elezioni Amministrative contribuì a "riempire" la lista berlusconiana, che presentava figure molto più conosciute. Così come nella lista di Forza Italia era presente un altro candidato sindaco di oggi: Massimo Trespidi. Il docente era uno degli esponenti più in vista degli “azzurri”, dopo la sua militanza nel Cdu. E proprio il candidato sindaco del centrodestra di allora, Gianguido Guidotti, appoggia ora la sua corsa alle Amministrative 2017, in contrapposizione al centrodestra ufficiale (Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia) a sostegno di Patrizia Barbieri. Trespidi è stato per un ventennio uno dei più importanti dirigenti del centrodestra locale: la polemica con i suoi ex compagni d'avventura sarà un tema portante della campagna elettorale.

Come andarono poi quelle Elezioni del 2002, per i due candidati sindaco di oggi? Trespidi entrò in consiglio - tra i banchi della minoranza - con 731 preferenze, tra i più votati dell'intera consultazione. Bottino di voti che aumentò nella successiva tornata elettorale.

Pugni si fermò invece a 98 voti, un po’ pochi per emergere tra i tanti porta-voti del partito di Berlusconi, a quei tempi forza centrale del centrodestra al governo del Paese. A entrambi, questa volta, gliene serviranno molti di più per ottenere quello che cercano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Correva l’anno 2002: Trespidi e Pugni candidati insieme in Forza Italia

IlPiacenza è in caricamento