rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022

«Vengo solo se mi fate fare l’assessore»

Partiti, movimenti e civiche alle prese con la compilazione delle liste. Difficile trovare personalità conosciute che si vogliano mettere in gioco

Non è tanto semplice arricchire, di nuove personalità, le liste per le prossime elezioni amministrative. Ascoltando un po’ i protagonisti, di tutti gli schieramenti, sembra essere ulteriormente calato l’appeal verso una consultazione elettorale come quella delle Comunali, rispetto a dieci o venti anni fa.

I dati dell’astensionismo del 2017 già lo segnalavano. Fatto sta che, alla ricerca di volti nuovi e profili provenienti dal mondo professionale, ogni tanto, come risposta, si riceve un “nì”: «Sto dalla vostra, ma non mi candido, però ci sarei eventualmente per fare l’assessore…».

A questo punto cadono le braccia. Mica facile prendere i voti e contribuire all’affermazione del proprio schieramento. Tutti si immaginano già a fianco del futuro sindaco in un posto di comando. 

In passato si partiva facendo il consigliere di circoscrizione, poi si approdava a Palazzo Mercanti. I privilegiati riuscivano a mettere a frutto l’esperienza acquisita nell’Amministrazione, alla guida della città. Ultimamente anche qualche consigliere comunale di primo pelo, con pochi voti in saccoccia, subito vuole passare all’incasso (l’agognato scranno in Giunta). E si offende pure se non viene accontentato dopo un paio d'anni di impegno pubblico. 

L’andazzo si allarga a macchia d’olio. E i neofiti della politica, intercettati dal partito “X” che vede in loro un potenziale amministratore del futuro, subito chiedono di passare dalla porta principale, senza il “battesimo” elettorale.

Si parla di

«Vengo solo se mi fate fare l’assessore»

IlPiacenza è in caricamento