Le tecniche e i segreti del decoupage

Il decoupage è una tecnica decorativa che permette di arredare casa in modo creativo e total green

Fa bene alla mente e migliora l’umore: il découpage è una tecnica decorativa che oltre a decorare oggetti o mobili, ha anche dei risvolti positivi sull’umore. Il passatempo è super creativo ma anche total green perchè si basa sul recupero e il riutilizzo di vecchi oggetti.

Con tanta fantasia e impegno è possibile dare un nuovo look agli oggetti di sempre o cambiare stile all’ambiente. Imparare non è difficile, con le tecniche e gli strumenti giusti il divertimento sarà assicurato!

L’occorrente per il découpage

Prima di imparare le tecniche e capire quali sono i materiali più indicati, è importante avere tutti gli strumenti. Per dedicarsi al meglio a questo hobby bisogna munirsi di:

Matita e scotch: per fermare le illustrazioni o preparare il progetto

Riga: utile per posizionare alla perfezione le illustrazioni

Carta vetrata: per levigare l’oggetto su cui si effettua il découpage

Pittura acrilica: per dipingere il fondo

Forbici: devono essere di diverse dimensioni perché si devono adattare al disegno da ritagliare

Taglierino: utile per intagliare le parti interne della carta o per raggiungere i punti difficile dell’oggetto

Carta: bigliettini, carta regalo vecchi libri o carte geografiche tutto è utile per ritagliare le illustrazioni. In commercio però, esistono carte o tovaglioli realizzati appositamente per il découpage

Colla vinilica: serve per incollare le illustrazioni sull’oggetto e di solito viene diluita con l’acqua

Pennelli: servono a stendere la colla e la finitura

Flatting: e una vernice che serve a rifinire il lavoro una volta incollate le illustrazioni

I supporti per realizzare il découpage

Per realizzare questa tecnica si possono utilizzare diversi supporti, ma alcuni sono più indicati rispetto agli altri perché sono più pratici da lavorare e versatili:

- Legno

- Plastica

- Terracotta

- Vetro

- Metallo

Le tecniche del découpage

Ogni materiale può ispirare la fantasia e trasformarsi in una piccola opera d’arte, anche se bisogna utilizzare le tecniche giuste come quella di basee quella craquelè.

Tecnica di base

Può essere eseguita su qualsiasi tipo di materiale, la prima cosa da fare è pulire l’oggetto: nel caso del vetro e della plastica si può utilizzare l’alcol per sgrassare, mentre per i materiali come il legno bisogna levigare o smussare. Se poi la superficie è in ferro, una vernice antiruggine può fare al caso nostro. In ogni caso, occorre preparare il fondo, sverniciando e rimuovendo la pittura precedente.

Il secondo passaggio consiste nel ritagliare con cura le figure con un taglierino oppure con le forbici. Prima di incollare, i pezzi ritagliati devono essere provati in più posizioni per capire qual è il disegno più armonico.

Ora è arrivato il momento di incollarli e per farlo si utilizza un composto con 5 parti di colla vinilica e uno di acqua. Si spennellano le superficidegli oggetti e subito dopo si posiziona il disegno, ripassando nuovamente con abbondante colla: è il momento più importante della lavorazione e passando il pennello dal centro verso l’esterno si eliminano le bolle che potrebbero formarsi. La colla va spennellata tante volte per impermeabilizzare la carta.

La fase finale è quella della finitura: trascorso un giorno la colla sarà completamente asciutta e quindi si può procedere con la finitura. Il flatting (o vernice trasparente) permetterà alla decorazione di essere uniforme, come se fosse dipinta.

Tecnica craquelè

La tecnica craquelè è indicata per chi vuole dare un aspetto antico e invecchiato all’oggetto da decorare. In questo caso è fondamentale usare una vernice invecchiante e una screpolante. Una volta che la prima si sarà asciugata, si stende una mano di vernice screpolante e si inizieranno a formare delle crepe: queste diventeranno più grandi utilizzando un asciugacapelli.

Per l’asciugatura completa si deve aspettare un giorno interno, prima di dipingere con colori ad olio color terra per dare maggior risalto alle crepe. Trascorse 12 ore, sarà arrivato il momento di passare l’ultima mano di flatting per fissare la vernice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus Verde 2021: come avere la detrazione e rinnovare il giardino

  • Come pulire casa con il vapore

  • Come eliminare gli odori in cucina in modo naturale

  • Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Come riconoscere e modificare i muri portanti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento