rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Sicurezza

Come scegliere la porta di casa: i consigli per andare sul sicuro

Le porte di casa sono il biglietto da visita di ogni appartamento, ma devono anche essere sicure: i consigli per evitare errori nella scelta

Può cambiare completamente l’aspetto di una facciata e soprattutto dell’estetica dell’appartamento. Di cosa stiamo parlando? Ma della porta di casa naturalmente! È un elemento molto spesso sottovalutato, anche se in realtà ha un ruolo centrale quando decidiamo di vendere o affittare un’abitazione, perché è la prima cosa che si nota. Ogni porta può quasi diventare un “elemento di disturbo” se non si addice alla casa. L’estetica è essenziale, ma non è l’unico elemento da tenere in considerazione, anche la sicurezza vuole la sua parte. Quindi prima di scegliere una porta, vanno valutati tanti aspetti che possono fare la differenza.

Scegliere con cura il materiale

La porta di casa, il più delle volte, è esposta ad agenti atmosferici come pioggia, vento e sole, tutti fattori che a lungo andare possono rovinarla. Per questo quando si decide di acquistare un serramento, è importante valutare bene i materiali. Tra i più utilizzati ci sono:

PVC: resistente agli agenti atmosferici, non ha bisogno di manutenzione e nello stesso tempo restituisce un buon livello di isolamento termico e acustico a costi ridotti. Disponibile in differenti colori e finiture, è possibile avere una porta che si abbina alla perfezione allo stile della casa

Alluminio: questo materiale dura nel tempo, è resistente al sole, al freddo e alla salsedine, oltre a non richiedere alcun tipo di manutenzione. Inoltre riesce a isolare efficacemente casa e regala un tocco di design che non guasta mai. Può essere riprodotto in tutte le tonalità che preferiamo e avere così un risultato d’impatto

Legno: resistente e con un’elevata capacità di isolamento termico e dai rumori, ha lo svantaggio di logorarsi facilmente se non viene trattato con i prodotti giusti, quindi ha bisogno di una costante manutenzione. Adatto a case dallo stile classico, è perfetto anche per quelle moderne perché è un materiale versatile

Non sottovalutare la sicurezza

La porta d’ingresso e i portoncini proteggono da possibili intrusioni ed eventuali tentativi di scasso: la porta blindata risponde bene a questa necessità, per garantire il massimo della sicurezza in base alle esigenze, si suddivide di solito in 6 classi. In base alle norme UNI ENV 1627, le porte blindate vengono classificate prendendo in considerazione la resistenza al carico statico, a quello dinamico e all'attacco manuale:

Classe 1: è quella più bassa ed è in grado di resistere soltanto al tentativo di scasso che impiega la forza fisica

Classe 2: protegge da eventuali scassi che utilizzano attrezzi semplici

Classe 3: resiste a cacciaviti e piedi di porco

Classe 4: protegge casa da tentativi di furto utilizzando seghe, martelli, accette, scalpelli e trapani

Classe 5: mette al sicuro dagli scassinatori che ricorrono ad attrezzi come trapani e seghe elettriche

Classe 6: resiste a strumenti elettrici ad alta potenza e prestazioni

Oltre alla classe della porta blindata, quando si pensa alla sicurezza, si deve prendere in considerazione anche la serratura che ha più soluzioni:

Serratura a doppia mappa: tra le prime serrature progettate per le porte blindate, con il passare del tempo e con l’evolversi della tecnologia, è stata considerata sempre più vulnerabile. Il suo funzionamento dovrebbe evitare che una qualsiasi chiave riesca ad aprire la porta, in realtà ci sono degli strumenti che riescono a replicare il meccanismo su cui si basa la serratura, senza scassinare la porta.

Serratura a cilindro europeo: sostituta della serratura a doppia mappa, si basa su chiavi che hanno una mappatura e un codice di sicurezza

Serratura magnetica: tra i modelli di ultima generazione, è caratterizzata da due magneti posti l’uno di fronte all’altro che consentono alla porta di chiudersi senza l’utilizzo di chiavi

Serratura elettronica: in questo caso la porta viene aperta da schede o chiavi elettroniche, telecomandi o smartphone che la sbloccano quando ci si avvicina all’ingresso

I bonus per cambiare la porta d’ingresso

Cambiare una porta d’ingresso può essere costoso, ma grazie alla detrazione fiscale 2022 pari al 50% del costo sostenuto si possono contenere le spese.

Per ottenerlo ci sono due tipologie legate alla porta blindata a cui fare riferimento:

Bonus sicurezza: rientra nel Bonus Ristrutturazione e si ottiene se si effettuano interventi per prevenire il rischio di furto. L’importo viene distribuito in 10 anni con rimborsi annuali di pari entità

Ecobonus: si attiva quando si effettuano lavori per il risparmio energetico

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come scegliere la porta di casa: i consigli per andare sul sicuro

IlPiacenza è in caricamento