rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Sicurezza

Quali grondaie scegliere? La guida completa per non sbagliare

Le grondaie sono presenti in ogni edificio perché permettono di gestire l’acqua piovana, vediamo quali tipologie scegliere e i materiali più adatti

Le grondaie sono indispensabili perché consentono di gestire l’acqua piovana ed indirizzarla nei punti di raccolta così da prevenire perdite e umidità, infatti, la loro funzione è quella di evitare che l’acqua venga trattenuta dalle fondamenta.

Esistono numerosi modelli realizzati in differenti materiali, ognuno con caratteristiche particolari pensate per rispondere al meglio alle necessità delle singole abitazioni.

Modelli grondaie

La forma della grondaie rappresenta un aspetto fondamentale che non deve essere sottovalutato, perché da quello dipende la loro funzionalità, per questo è importante sceglierne una adatta alla propria abitazione come ad esempio:

Grondaie ondulate

Grondaie quadrate

Grondaie tonde

Grondaie semitonde

Oltre ai differenti modelli, le grondaie per essere efficienti devono essere completate da altri elementi come:

Grondaie aperte: disposte in orizzontale raccolgono l’acqua e la incanalano verso i discendenti

Tubi di scarico: solitamente sono chiusi e possono essere a sezione tonda o quadrata

Accordi: sono elementi di fissaggio

Materiale delle grondaie

Anche il materiale ricopre un ruolo fondamentale, ognuno ha le sue caratteristiche e i suoi vantaggi:

Alluminio: è il materiale più utilizzato perché è leggero, quindi non va ad appesantire il tetto, nello stesso tempo è resistenti e ha bisogno di poca manutenzione. L’alluminio è un materiale che non si ossida e per questo è molto utilizzato nelle zone vicino al mare. Facile da pulire può essere utilizzato sia al naturale, sia tinteggiato per ottenere un effetto decorativo. Il limite di questo materiale è il costo ed è difficile ripararlo

Rame: è un materiale bello esteticamente che può dare carattere alla casa, ma nello stesso tempo è anche più costoso. Questo aspetto può essere compensato dalla resistenza e dalla durata nel tempo, infatti, una grondaia realizzata con questo materiale può resistere fino a 50 anni senza grandi manutenzioni anche nonostante tenda ad ossidarsi facilmente

Lamiera zincata: il materiale economico, viene sottoposto a zincatura per evitare la formazione di ruggine. Inoltre, non può essere saldato, ma solo fissato tramite bulloni, altrimenti perderebbe la sua funzione protettiva

PVC: facile da montare è resistente all’usura e al maltempo come pioggia e grandine, meno alle gelate, la durata media è di circa 15 anni

Acciaio galvanizzato: è un materiale molto economico, in grado di resistere al tempo e alle intemperie. Facile da montare, basta assemblare i singoli componenti e utilizzare una guarnizione di silicone per assicurarne la tenuta

Acciaio laccato: più costoso dell’acciaio zincato, ha le stesse funzioni, ma in più ha una resa estetica migliore

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quali grondaie scegliere? La guida completa per non sbagliare

IlPiacenza è in caricamento