City camps "Val Trebbia 2012", l'inglese per il turismo di domani

Grande successo per "City Camps Val Trebbia" 2012, cui hanno partecipato 153 alunni della scuola primaria degli istituti comprensivi di Bobbio e Rivergaro-Gossolengo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Grande successo per la prima edizione del progetto "City Camps Val Trebbia", un progetto di indubbia valenza formativa, educativa e didattica che può rappresentare una svolta vincente per la nostra bellissima valle, nonché l'occasione per valorizzare il potenziale dei nostri bambini/ragazzi fornendo loro significative occasioni di confronto e scambio con interlocutori competenti ed emotivamente coinvolgenti.

153 alunni della scuola primaria degli istituti comprensivi di Bobbio e Rivergaro-Gossolengo, suddivisi in gruppi e guidati da tutor madrelingua hanno vissuto un'esperienza indimenticabile a contatto con una lingua diversa e con differenti culture. Nella settimana dal 3 al 7 settembre il progetto si è svolto a Bobbio e nella settimana successiva a Rivergaro e Gossolengo e ciascun City Camp è terminato con un fantastico "Final Show".

I ragazzi si sono divertiti moltissimo ma al tempo stesso hanno migliorato la loro conoscenza della lingua inglese, sono stati incoraggiati a parlare in inglese ed hanno voluto farlo per comunicare con i loro Tutor, per giocare, per cantare e per recitare.

Le attività svolte sono state molteplici: dalle canzoni ai giochi di movimento, dalle attività didattiche in classe all'escursione in agriturismo per i bambini di Bobbio, alla gita in barca sul Po per i bambini di Rivergaro e all'uscita in biblioteca per Reading Activities and Drama per i partecipanti al camp di Gossolengo; dai balli alla preparazione dello spettacolo finale che i bambini hanno messo in scena, il tutto finalizzato all'apprendimento della lingua inglese.

L'edizione 2012 del City Camps Val Trebbia ha avuto come sfondo un jingle dal titolo "Healthy food" (cibo sano) volto a sensibilizzare ad un corretto stile di vita ed una sana alimentazione consentendo di trattare in modo ludico e leggero un tema di grande attualità che vede impegnate famiglie, scuole, strutture sanitarie e molte aziende, anche in un'ottica di maggiore responsabilità sociale.

Tutti gli alunni hanno partecipato con passione alle attività proposte, sono stati conquistati e travolti dall'energia e dall'entusiasmo dei loro Tutor ed hanno raggiunto ottimi risultati dal punto di vista didattico e relazionale, secondo la filosofia dell'associazione ACLE che organizza i City Camps: "Emotions generate learning" (Le emozioni generano l'apprendimento).

Un grazie sincero alle Amministrazioni Comunali ed agli sponsor che non hanno fatto mancare la presenza ed il fattivo e concreto sostegno al progetto City Camps Val Trebbia 2012 ed un plauso per il notevole impegno profuso da tutti i soggetti coinvolti: tutors, camp directors, assistants , helpers e famiglie ospitanti, che hanno avuto la possibilità di vivere in modo particolarmente intenso questa esperienza.

Il progetto ha avuto successo grazie a Amy, Bryan, Giuliana, Gleb, Holly, Ivan, Jamie, Mark, Rachel, Samantha provenienti da Canada, Gran Bretagna, Sud Africa, USA che hanno svolto con passione, dedizione e professionalità il loro lavoro.

Un ringraziamento per l'organizzazione va alle insegnanti di inglese Rita Croci, Barbara Montecchi e Vittoria Volterrani in qualità di Camp Director; a Francesca Mora, Ivana Silva e Patrizia Silva come Assistant; al personale tecnico degli Istituti Comprensivi; a tutti gli Helper Camilla, Davide, Dunia, Elena, Francesco, Giada, Giorgia, Lorenzo, Martina, Niccolò e Silvia che hanno condiviso questa esperienza e all'Ospedale di Bobbio per aver supportato con convinzione il tema dell'edizione 2012.

Il progetto CITY CAMPS VAL TREBBIA ha come obiettivo l'acquisizione di competenze linguistiche da parte delle nuove generazioni in un territorio a vocazione turistica, e si basa sull'idea di una aggregazione" formativa che ponga in essere un "gioco di squadra" tra più istituti della stessa valle per arrivare un giorno, a congiungere verosimilmente Genova e Piacenza nella medesima iniziativa e rappresenta la tessera di un puzzle più articolato e complesso per il rilancio della valle.

Il progetto è promosso da Associazione Area 45, insieme alla Comunità Montana Appennino Piacentino, agli Istituti comprensivi di Bobbio e Rivergaro - Gossolengo, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, dei comuni di Bobbio, Gossolengo, Rivergaro e Travo, in collaborazione con l'Associazione Culturale Linguistica Educational ACLE e gli sponsor Alta Valle, Gamma Spa e Pizzeria Minerva di Travo.

Nel corso del progetto altri sponsor hanno aderito e a tal fine si ringraziano: Cristina e Marisa Caldini, Gelateria Romana ed il responsabile del supermercato SIGMA di Gossolengo, Gommone Club Piacenza, Associazione Motonautica San Nazzaro.

Per informazioni: Associazione di Promozione sociale "AREA 45"  info@area45.it

Giorgio Raciti: 347 / 1809342 Angela Zerga: 348 / 0442740

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento