rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022

«Mai più fascismi», sfila in corteo la Piacenza antifascista

Consegnata al prefetto Falco la petizione contro Casapound dopo la manifestazione partita dal Facsal

"Mai più fascismi": sotto questa unica bandiera hanno sfilato - nella mattinata del 10 febbraio - oltre cinquecento persone per le vie del centro di Piacenza. Il corteo, a cui hanno aderito Anpi, Anpc, Arci, Cgil, Cisl, Uil, Auser, Atomo-Arcigay, Libera, Liberi e Uguali, Partito Democratico, Potere al Popolo, Uds Emilia-Romagna, Link, Acli Piacenza, ha visto il suo epilogo con la consegna di un documento-petizione al prefetto di Piacenza Maurizio Falco in cui si chiede il pieno rispetto delle leggi Scelba e Mancino, in relazione anche alla recente apertura della sede della formazione di estrema destra Casapound. Piacenza ha così vissuto una sorta di "25 aprile": la recente apertura di Casapound ha chiamato a raccolta una forte testimonianza antifascista. Durante il corteo è stato deposto da Anpi (con il suo presidente Stefano Pronti) anche un omaggio floreale al Dolmen per i caduti della Resistenza. Nel pomeriggio, a partire dalle 15, dal piazzale della stazione ferroviaria è partita un'altra manifestazione antifascista, organizzata dal collettivo ControTendenza e da altri gruppi della sinistra antagonista. In questo secondo corteo, lo svolgimento della manifestazione è andato diversamente: si sono verificati scontri con le forze dell'ordine. 

"Mai più fascismi", il corteo ©Bonetti/IlPiacenza

Sullo stesso argomento

Video popolari

«Mai più fascismi», sfila in corteo la Piacenza antifascista

IlPiacenza è in caricamento