Rottofreno diventa sempre più "verde": ottenuta la certificazione Emas

La certificazione è un riconoscimento delle politiche ambientali a livello europeo. Per diventare e restare certificati Emas, i dirigenti della macchina comunale devono compiere atti "verdi" verificati periodicamente dagli ispettori europei

Immagine di repertorio

«Il comune di Rottofreno diventa sempre più verde. Ha infatti ottenuto l’ambiziosa "Certificazione Emas", finora assegnata ad un solo altro comune della provincia»: lo hanno annunciato il sindaco Raffaele Veneziani e l’assessore Paola Galvani. 

Tale certificazione è un riconoscimento delle politiche ambientali a livello europeo. Per diventare e restare certificati Emas, i dirigenti della macchina comunale devono compiere atti "verdi" verificati periodicamente dagli ispettori europei. Ad esempio le strutture municipali usano energia da fonti rinnovabili, sono privilegiati i fornitori che adottano politiche ambientali, gli uffici utilizzano carta riciclata, in mensa l’80 per cento dei pasti è preparato con alimenti biologici, particolare cura è riservata a depurazione, rifornimento idrico e pulizia dei tombini.

Tutto viene monitorato in modo da procedere agilmente in caso di bisogno. Altro esempio: il gas impiegato per il raffrescamento del Centro culturale ora inquina meno. La cittadinanza può vedere sul sito www.comune.rottofreno.pc.itogni dato relativo all’ambiente. 

Il prossimo passo sarà sensibilizzare gli operatori economici verso la tutela dell’ambiente. Entro Natale verrà organizzato un convegno proprio per indurre le aziende a seguire l’esempio del settore pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento