menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: il dirigente della Squadra Mobile Blasco, il questore Arena e il capo di Gabinetto Vernelli

Da sinistra: il dirigente della Squadra Mobile Blasco, il questore Arena e il capo di Gabinetto Vernelli

A 18 anni rapinò una villa a Gazzola: albanese preso dopo 11 anni di latitanza

Nel dicembre del 2004 con due complici e a soli 18 anni aveva rapinato una villa a Gazzola. Quasi 11 anni dopo quella notte di terrore Coba Besnik, albanese ora 29enne è stato arrestato e portato in carcere dopo una lunga latitanza

Nel dicembre del 2004 con due complici e a soli 18 anni aveva rapinato una villa a Gazzola. Quasi 11 anni dopo quella notte di terrore Coba Besnik, albanese ora 29enne è stato arrestato e portato in carcere dopo una lunga latitanza. Nella notte del 10 dicembre del 2004 lo straniero e due complici connazionali erano penetrati in una villa alla Borgomasca di Gazzola e dopo aver trascinato in salotto i padroni di casa, una coppia e il loro figlio, sotto la minaccia di una pistola si erano fatti consegnare 15mila euro in contanti e un prezioso orologio Rolex da 25mila euro.

unnamed-57-16Dopo la violenta rapina i carabinieri della Compagnia di Bobbio avevano avviato le indagini individuando in poco tempo i responsabili, i tre furono condannati a 7 anni (ridotti a 4 per l'indulto) per rapina, due furono arrestati in poco tempo, mentre Coba Besnik aveva fatto perdere le proprie traccie. Dopo la sentenza passata in giudicato il 16 marzo del 2014 la squadra mobile di Piacenza, non senza fatica e dopo complesse indagini ha individuato lo straniero: si trovava in carcere in Albania per reati commessi nel suo paese di origine. Non solo, l'albanese era già stato condannato in Lombardia e in Lussemburgo sempre per rapina. Gli agenti sono risaliti a lui dopo aver confrontato le impronte digitali prese nei tanti fotosegnalamenti dell'uomo che era stato schedato con 8 alias differenti. Dopo l'emissione del mandato di arresto europeo è stato estradato in Italia e ora si trova nel carcere di Rebibbia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento