A maggio la distribuzione dei 159mila euro ai 7 comuni più alluvionati: ecco i progetti

Il tavolo dei garanti controllerà l'utilizzo delle risorse. Sei comuni riceveranno 25mila euro, Rivergaro 9mila. Calza: «Se ci fossero soldi dirottati in altri progetti da quelli concordati verrà chiesta la revoca del contributo»

Sette comuni del Piacentino riceveranno 159mila euro di aiuti. Il comitato dei garanti – composto da Massimo Albano (Coldiretti), Ivan Bersani (Cisl) e Giuseppe Chiodaroli (Caritas) - aveva stabilito i criteri e la distribuzione delle risorse economiche raccolte dalla sottoscrizione della Provincia per i comuni colpiti dall’alluvione dello scorso 14 settembre. I 159mila euro andranno a 7 comuni: 25 mila euro a testa per Ferriere, Farini, Bettola, Ottone, Corte Brugnatella, Cerignale e 9mila per Rivergaro. La sottoscrizione venne aperta pochi giorno dopo l’alluvione: molte associazioni, sindacati, partiti, imprese private e cittadini hanno riposto qua le proprie raccolte o donazioni di denaro per aiutare i comuni alluvionati. I 159mila euro provengono dall'importo delle ore di lavoro che i lavoratori hanno deciso di devolvere a questo fine insieme agli importi versati contestualmente dalle loro aziende. 

«Siamo quasi alla fine di questo lungo percorso – ha spiegato Patrizia Calza, vicepresidente della Provincia - iniziato dopo l’alluvione del settembre 2015. Su stimolo dei sindacati era stata allestita una collaborazione per la raccolta fondi. La Provincia ha aperto il conto corrente e sono stati raccolti vari importi per un totale di 159mila euro. Il conto è stato chiuso il 22 aprile. Il comitato dei garanti rimane operativo per fare la verifica finale sull’esito dei progetti, sulla corretta destinazione dei fondi. Ringrazio i sindacati per il lavoro delicato svolto. Hanno dato suggerimenti cercando di andare incontro alle esigenze del territorio.  Ringrazio i sindaci che hanno rinunciato alla destinazione delle somme per lasciare di più ai comuni maggiormente colpiti».  Erano 24 i comuni quelli che potevano usufruire dei fondi. Calza ha infine ringraziato gli uffici che hanno organizzato la colletta, in particolare Barbara Leoni dell’ufficio di presidenza.

I fondi verranno consegnati ai comuni a fine maggio, dopo un passaggio in consiglio provinciale. Il criterio scelto dai sindaci e dal comitato era quello di premiare progetti che avessero ricaduta sulla collettività. «Se ci fossero soldi dirottati in altri progetti da quelli concordati – ha assicurato il vicepresidente - verrà chiesta la revoca del contributo». Le amministrazioni comunali dei 7 comuni hanno ringraziato i sindaci che hanno rinunciato al loro contributo.

Tutti i comuni intendono impiegare i soldi per interventi da consegnare per l’inizio dell’estate. A Farini i 25mila euro verranno impiegati per ripristinare il campo giochi nell’area dei Sassi Neri. A Ferriere verrà recuperata la viabilità di Tornarezza e Pomarolo, due frazioni colpite dall’alluvione. A Bettola i 25mila serviranno per ripristinare il campo da tennis sul lungo Nure. A Ottone il contributo sarà impiegato per attivare un servizio infermieristico in paese nei locali messi a disposizione dal Comune e anche a domicilio. A Cortebrugnatella i 25 mila copriranno una parte degli 80mila necessari per ripristinare tutte le strutture sportive lungo il fiume Trebbia. A Cerignale il contributo è parte dei 150mila che l’Amministrazione intende spendere a favore del ripristino della rete viaria del paese, in accordo con il Consorzio rurale di Cerignale. A Rivergaro i 9mila euro sono parte dei 43mila che occorre impiegare per ripristinare l’area giochi del Parco del Trebbia.

tabella riepilogativa interventi-2

IMG_20160426_113911-2

IMG_20160426_113916-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento