Accoltellato in viso per un debito di cento euro: già espulso non doveva essere in Italia

Non doveva trovarsi nemmeno in Italia perché era già stato espulso (con un ordine del questore) il tunisino di 28 anni accoltellato al volto e a una mano nella serata del 6 dicembre al Quartiere Roma. Anche l'amico era irregolare

Le volanti sul posto

Non doveva trovarsi nemmeno in Italia perché era già stato espulso (con un ordine del questore) il tunisino di 28 anni accoltellato al volto e a una mano nella serata del 6 dicembre. Ha precedenti per spaccio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, ricettazione, furto, rapina, rissa, lesioni e porto abusivo di oggetti atti all'offesa. Da quanto emerso fino ad ora conosceva il suo aggressore: la vittima e un amico egiziano (anch'egli irregolare e già espulso con precedenti per spaccio di droga, entrambi nullafacenti e senza fissa dimora) erano al bar Baraonda in via Colombo quando un secondo tunisino è arrivato in bici e ha chiesto al 28enne di seguirlo: dovevano parlare. L'egiziano è quindi rimasto al bancone, e i due tunisini si sono spostati, poi l'accoltellamento pare per un debito di 100 euro che la vittima aveva nei confronti del connazionale. L'aggressore è scappato, e il nordafricano, con il viso pieno di sangue, ha cercato e trovato aiuto in un senegalese che passava per caso a piedi e che ha avvertito l'amico rimasto al bar. E' stato portato in ospedale: ne avrà per venti giorni. E' stato interrogato a lungo dai poliziotti delle volanti insieme all'amico: insieme hanno ricostruito quanto accaduto. La lama ha provocato un lungo e profondo taglio alla guancia e anche uno alla mano: forse il tunisino ha cercato di difendersi, invano. Lui e l'amico sono a disposizione dell'Immigrazione per la loro posizione irregolare sul nostro territorio, mentre si sta ancora cercando l'aggressore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento