Acqua e rifiuti: «Si escludono i cittadini per paura che il dissenso di alcuni sindaci si estenda»

Acqua Bene Comune Piacenza e Valdarda all'attacco: «Il 7 febbraio i 48 sindaci della provincia si riuniranno, a porte chiuse, per sottoscrivere il Protocollo d'Intesa predisposto da Atesir sull'affidamento del servizio idrico ad una società mista. Questo modo di procedere a porte chiuse lontano dagli occhi dei cittadini è un'ulteriore offesa alla democrazia, alla partecipazione e al controllo popolare»

«Venerdì 7 febbraio alle 11 presso il consiglio provinciale i 48 sindaci della provincia si riuniranno, a porte chiuse, per sottoscrivere il Protocollo d'Intesa predisposto da Atesir sull'affidamento del servizio idrico ad una società mista, già approvato dalla grande maggioranza dei consigli comunali a dispetto delle osservazioni e delle critiche di tanti consiglieri, sia di opposizione che di maggioranza, ma soprattutto in spregio agli esiti del referendum del 2011. Questo modo di procedere a porte chiuse lontano dagli occhi dei cittadini è un'ulteriore offesa alla democrazia, alla partecipazione e al controllo popolare» Lo affermano in una nota i Comitati Acqua Bene Comune di Piacenza e della Val d'Arda.

«E’ inoltre a dir poco sospetta - prosegue la nota ufficiale - la fretta con cui si sta chiedendo la sottoscrizione di questo protocollo che non è ancora stato discusso nei consigli comunali di Piacenza e di altri comuni (Gragnano, San Giorgio, Castelsangiovanni, Pecorara). Peraltro si sta accelerando su una scelta che riguarda un tema fondamentale come la gestione di acqua e rifiuti per i prossimi 20-25 anni, senza considerare che il mandato di 34 dei 48 sindaci della provincia scadrà a maggio (e metà di loro non sono rieleggibili) e la Provincia stessa, che verrebbe incaricata ad espletare i compiti relativi al protocollo, presto cesserà di esistere».

E ancora: «Ma la principale offesa alla democrazia sta nel fatto che si sottoscriverà un protocollo che si basa su premesse erronee o già superate dalla normativa, in totale spregio agli esiti del referendum del 2011. Il protocollo infatti afferma che l'affidamento del servizio ad una azienda speciale (cioè un'azienda pubblica, dei comuni) non sarebbe conforme alla normativa vigente: ciò non è vero, come ha confermato anche la recentissima delibera della Corte dei Conti, Sez. Autonomie Locali (2/2014); poi afferma che in caso di bilanci deficitari, gli enti locali proprietari dell'azienda sarebbero obbligati a ripianare i deficit, ma questo vale per tutte le società partecipate, quindi anche per la società mista, come ha sancito la recente Legge di Stabilità 2014 (L. 147/2013); quindi afferma che la sottoposizione al patto di stabilità delle società in house vincolerebbe irrimediabilmente la gestione operativa: ma anche questo vincolo è stato abrogato dalla Legge di Stabilità 2014; infine il protocollo asserisce che l'entità del valore di indennizzo da corrispondere ad IREN sarebbe incompatibile con le disponibilità dei comuni: ma è evidente che l'indennizzo dovrebbe essere sborsato dalla nuova società pubblica e non certo dai comuni, e che la società pubblica, attraverso la rinegoziazione della convenzione tra IREN e ATERSIR, potrebbe indebitarsi con la Cassa Depositi e Prestiti e restituire negli anni il debito tramite i proventi tariffari. La rinegoziazione della convenzione infatti dovrebbe riportare il rimborso al gestore a coincidere con i piani d'ammortamento dei mutui, le cui rate annuali sono comprese nella tariffa e pagate in bolletta».

«Lo ripetiamo, secondo noi l'approvazione e la sottoscrizione di questo protocollo non è legittima, potrebbe essere amministrativamente impugnata, ma soprattutto tradisce totalmente l'esito del referendum del 2011, con il quale 27 milioni di elettori italiani e 104.000 piacentini, la maggioranza assoluta dell'elettorato, hanno chiesto che il servizio idrico ritornasse in mano pubblica, completamente fuori dalle logiche del mercato e del profitto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Allo stesso tempo ringraziamo e stimiamo l'operato di quei sindaci e di quei consiglieri comunali che si sono strenuamente opposti e si opporranno alla scelta della società mista, difendendo coerentemente il voto dell'elettorato italiano e piacentino. Vogliamo dunque fare un appello accorato ai sindaci: non sottoscrivete questo protocollo, difendete l'acqua pubblica, difendete il voto e la volontà dei vostri cittadini»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento