rotate-mobile
Cronaca

Addio a Piero Prati, con lui se ne va una storica dinastia di albergatori

E’ morto nella notte Piero Prati, 56 anni fra pochi giorni, legato alla storica famiglia dei Prati che per decenni ha gestito l’Albergo Roma e connesso alla nascita del quotidiano Libertà, fondato da Ernesto Prati nel 1883

E’ morto nella notte Piero Prati, 56 anni fra pochi giorni, legato alla storica famiglia dei Prati che per decenni ha gestito l’Albergo Roma e connesso alla nascita del quotidiano Libertà, fondato da Ernesto Prati nel 1883. Con Piero se ne è andato un altro pezzo della Piacenza imprenditoriale che aveva messo le radici due secoli fa. Prati lascia la sorella Elena e i suoi adorati nipoti. I genitori di Piero ed Elena - Ettore e Mirta sono scomparsi pochi anni anni fa - a cui i figli erano molto legati avevano lasciato a loro il compito di proseguire l’impresa di famiglia - l’albergo e la ristorazione - fino alla vendita del Roma un paio di anni fa. Un duro colpo per Piero, che aveva gestito il mitico Hotel a quattro stelle dopo che il padre glielo aveva lasciato.

Un albergo nel quale aveva vissuto fin da giovane e lo aveva visto crescere, modificarsi, svilupparsi. Piero è morto all’Hospice dopo una breve e dura malattia. Circondato dall’affetto della sorella e dei suoi tre più cari amici, fino alla fine non è venuto minuto all’ironia che ne ha caratterizzato l’esistenza. Persona socievole, colta, preparata nella professione, Piero aveva alcune grandi passioni: la moto, la sua barca al mare a Marina di Carrara (un vecchio Gozzo), l’arte e la musica. Terminate le superiori, Piero aveva frequentato la prestigiosa Ecole Hôtelièr di Losanna, in Svizzera. Alcuni lavori a Londra e a Città del Capo, poi il ritorno al Roma. Piero innovò anche il locale, aprendo il bistrot Piccolo Roma, un ristorante dove si potevano mangiare i cibi di qualità della nostra tradizione a prezzi abbordabili. Fu anche tra gli inventori del Jazz Festival, sbocciato al settimo piano dell’Albergo Roma con gli inviti di alcuni famosi musicisti (tra gli altri, il famoso maestro Renato Sellani suonò più volte al Piccolo Roma). Alla famiglia Prati vanno le condoglianza della redazione de ilPiacenza.it. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Piero Prati, con lui se ne va una storica dinastia di albergatori

IlPiacenza è in caricamento