Affiora un cadavere nel Po a Mortizza, forse è l'uomo che si era gettato un mese fa

L'allarme lanciato da un cacciatore. Sul posto i vigli del fuoco con i carabinieri e il 118

I mezzi dei soccorsi sul posto (Foto Bonetti)

Il cadavere di un uomo, a quanto pare non riconoscibile per lo stato di decomposizione, è affiorato dalle acque del Po nel pomeriggio del 30 dicembre a Mortizza. A chiamare i soccorsi, intorno alle 17,30, è stato un cacciatore che, dalla riva di Mortizza, ha notato un corpo riverso a pancia in giù che galleggiava nell'acqua del fiume. Sul posto sono arrivati immediatamente i vigili del fuoco con due mezzi, i carabinieri del Nucleo radiomobile, l'ambulanza della Croce bianca e l'automedica del 118. Il cadavere però non era facilmente raggiungibile e per questo è entrata in azione anche una squadra Saf dei vigili del fuoco, ovvero personale addestrato e specializzato in questo genere di interventi. Le operazioni di recupero - ancora in corso al momento della stesura di questo articolo - sono risultate ancor più difficili a causa del buio.
Impossibile ovviamente, per adesso, risalire all'identità. Non si esclude che possa trattarsi del cadavere dell'uomo che lo scorso 28 novembre si era gettato nel Po dal ponte della via Emilia, e le cui ricerche erano proseguite nei giorni successivi ma senza esito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento