Africa Mission avvia in Uganda un nuovo progetto per sostenere lo sviluppo del Karamoja

Dall’Uganda, dove si trova per un viaggio tra i progetti che il movimento fondato da don Vittorione realizza nella regione del Karamoja, Carlo Ruspantini, il direttore dell’organizzazione, comunica l’avvio di un nuovo progetto, diretto a migliorare la disponibilità di acqua nella regione del Karamoja

Dall’Uganda, dove si trova per un viaggio tra i progetti che il movimento fondato da don Vittorione realizza nella regione del Karamoja, Carlo Ruspantini, il direttore dell’organizzazione, comunica l’avvio di un nuovo progetto, diretto a migliorare la disponibilità di acqua nella regione del Karamoja. “È un progetto molto impegnativo - dice Carlo Ruspantini – che la FAO ha accettato di finanziare e che prevede interventi di varia natura tutti diretti a migliorare la disponibilità di acqua nella regione. Fatto non di secondaria importanza, per la realizzazione del progetto verranno coinvolte direttamente le 1.200 persone dei villaggi della savana, che ci aiuteranno a realizzare gli scavi e che riceveranno per questo 700.000.000 di scellini ugandesi (circa 180.000 euro).

Continua il direttore: “invece che fare gli scavi utilizzando ruspe o escavatori, abbiamo deciso di coinvolgere le persone dei villaggi che in questo modo potranno ricevere un po’ di denaro che li aiuterà ad affrontare i prossimi mesi che in Karamoja non saranno semplici per via della scarsità delle piogge”.

Sei: i mesi di durata del progetto. Sette: i distretti nei quali lavoreremo, ovvero tutta la Karamoja (regione grande come la Lombardia). Ventuno: i bacini per la raccolta di acqua piovana da scavare, ciascuno di quattromila metri cubi. Quindici: le dighe sotterranee da costruire lungo il corso di altrettanti fiumi. Ancora Sette: i sistemi di micro-irrigazione alimentati da energia solare da installare. Numeri. Freddi e precisi, sebbene non sufficienti ai fini di un'informazione completa, sono però utili per mettere a fuoco l'importanza e la grandezza dell'impegno che Cooperazione & Sviluppo si è assunta con il nuovo progetto partito lo scorso Luglio, in collaborazione con la FAO.

Karamoja-2 Karamoja-2

La protagonista è sempre lei, l'acqua. Abbondante durante la stagione delle piogge, bene introvabile durante quella secca, l'acqua e una sua accorta gestione sono due dei principali obiettivi verso cui l’organizzazione di don Vittorione orienta le proprie azioni, sin dalla sua nascita. Questo nuovo progetto, mentre da un lato produrrà migliori condizioni di vita per le comunità rurali, dall'altro ci darà ancora una volta l'occasione per testimoniare con i fatti le nostre parole di impegno per la Karamoja. “In queste settimane abbiamo incontrato le autorità locali –  racconta Samuele Cavallone, il collaboratore italiano che insieme alla moglie Carlotta segue la realizzazione del progetto- per la presentazione del progetto e dato il via alla mobilizzazione delle comunità. Nei prossimi giorni incominceremo lo scavo dei primi bacini di raccolta”. Africa Mission - Cooperazione e Sviluppo lavora come ha sempre fatto, cercando il massimo livello possibile di collaborazione e sinergia sia con il governo locale che con i membri delle comunità, con la convinzione che questa sia l'unica strada percorribile per garantire al progetto una duratura sostenibilità. “La fiducia accordataci dalla FAO – continua Samuele - è grande, a testimonianza del fatto che, dopo più di 40 anni di presenza e di lavoro serio, professionale ed efficace in Karamoja, la nostra Organizzazione è ormai considerata un partner strategico relativamente al tema “acqua”. Migliore attestato per il lavoro sin qui svolto ed incitamento a continuare su questa strada non potrebbe esserci”.

Questo progetto si affianca alla campagna “Il pozzo di Papa Francesco” lanciata ad inizio anno, che ha come obiettivo la perforazione di 100 pozzi nel triennio 2015-2017. “Questo nuovo progetto realizzato con FAO, unito alla campagna “Il pozzo di Papa Francesco”- conclude Carlo Ruspantini– rappresentano la nostra sfida alla crisi, che si fa sentire, ma alla quale non vogliamo arrenderci. Interventi utilissimi dare subito un aiuto concreto e maggiore disponibilità di acqua nel futuro. Per questo chiediamo agli amici e simpatizzanti di continuare a sostenere l’impegno di Africa Mission a rimanere in Uganda per dare da bere agli assetatati, e nuova speranza in un futuro migliore ai nostri amici Karimojong.

Per aiutare Africa Mission-Cooperazione e Sviluppo si può inviare una donazione intestata a Cooperazione e Sviluppo Ong-Onlus (Iban: IT44 Z050 4812 6000 0000 0002 268). Per informazioni tel. 0523-499424 o scrivere ad africamission@coopsviluppo.org

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento