Aggressione al Peep, niente carcere. Era ubriaco e voleva tornare nella casa d'infanzia

Via Penitenti sabato pomeriggio. Dall'udienza è emerso che il 37enne piacentino in quell'appartamento posto al piano terra di via Penitenti 19 ci aveva abitato per 20 anni, e lì, in preda ai fumi dell'alcol, voleva rientrare ma non per rubare, ha detto, ma perché voleva tornare a casa sua

La volanti sul posto

Era così ubriaco che non si ricorda di aver aggredito un 60enne albanese che con la moglie stava rientrando a casa. Non si ricorda nemmeno che stava sfondando a spallate la porta del loro appartamento. Era andato a pranzo con alcuni amici e aveva bevuto, si era diretto in via Penitenti 19, poi l'aggressione, l'arrivo fulmineo dei poliziotti delle volanti e l'arresto. Processato per direttissima il 37enne piacentino, che lavora, è sposato, ha un figlio piccolo, ora dovrà firmare dai carabinieri: per lui il giudice Gianandrea Bussi ha deciso l'obbligo di firma, il pm Monica Bubba aveva chiesto il carcere. Il suo legale Cristina Balteri aveva chiesto la remissione in libertà: «Non è un ladro», l'arresto è stato convalidato e il processo rinviato.  Dall'udienza è emerso che il 37enne piacentino in quell'appartamento posto al piano terra di via Penitenti 19 ci aveva abitato per 20 anni, e lì, in preda ai fumi dell'alcol, voleva rientrare ma non per rubare, ha detto, ma perché voleva tornare a casa sua. E nega ogni accusa. Da chiarire la presenza di altre due persone, fotografate dai residenti, che si aggiravano nei pressi dell'ingresso dello stabile proprio quando il 37enne stava cercando di sfondare la porta dei due coniugi albanesi. Tutto era iniziato nel pomeriggio del 13 ottobre. Alla centrale operativa del 113 erano arrivate diverse chiamate di aiuto: qualcuno stava cercando di sfondare la porta di un appartamento al piano terra di una palazzina al Peep. «Stanno picchiando mio marito, chiamate la polizia», ha urlato la donna che per lo spavento ha avuto uno choc abbastanza grave: entrambi i coniugi poi sono stati portati in pronto soccorso. I residenti hanno poi spiegato ai poliziotti cosa fosse successo. Gli agenti erano stati applauditi da decine di residenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento