Alessandra Carlotta Pellegrini è il nuovo direttore scientifico dell’Istituto nazionale di studi verdiani

All’interno dei cinque nomi indicati dal Comitato Consultivo, il Consiglio ha unanimemente convenuto di privilegiare un profilo professionale che unisse alla comprovata competenza nel campo degli studi musicologici, l’esperienza diretta nella gestione di fondazioni e di istituti culturali con esplicito riferimento all’organizzazione e alla valorizzazione del patrimonio archivistico

Il Consiglio di amministrazione dell’Istituto nazionale di studi verdiani nella seduta del 1 dicembre 2015 ha nominato la Dott.ssa Alessandra Carlotta Pellegrini Direttore dell’Istituto nazionale di studi verdiani. Il consiglio ha attentamente esaminato le valutazioni del Comitato Consultivo e ha concordato che le candidature pervenute sono tutte di grande qualità e competenza nella specificità dei diversi profili scientifici e professionali e delle personali esperienze in campo nazionale ed internazionale. All’interno dei cinque nomi indicati dal Comitato Consultivo, il Consiglio ha unanimemente convenuto di privilegiare un profilo professionale che unisse alla comprovata competenza nel campo degli studi musicologici, l’esperienza diretta nella gestione di fondazioni e di istituti culturali con esplicito riferimento all’organizzazione e alla valorizzazione del patrimonio archivistico. L’Istituto infatti nei prossimi anni, in piena sintonia con le linee di lavoro espresse a livello europeo, non solo renderà più accessibile l’imponente documentazione già raccolta negli anni precedenti, ma allargherà lo sguardo anche alla documentazione del XX e XXI secolo per divenire un centro di documentazione finalizzato al sostegno, alla creazione e alla diffusione della conoscenza della produzione verdiana. Il Consiglio di amministrazione ha ritenuto inoltre, in un’ottica di riequilibrio dei compiti e delle funzioni all’interno dell’Istituto, e nella convinzione che lo studio di Giuseppe Verdi debba avvalersi di competenze diverse anche interdisciplinari, di procedere nella prossima seduta, su proposta del nuovo Direttore scientifico, alla nomina del Comitato scientifico. Il Consiglio facendo propria la raccomandazione del Comitato consultivo, ha subito invitato il Direttore scientifico a tenere conto, nella proposta di costituzione del Comitato Scientifico, delle competenze emerse dalla manifestazione d’interesse. Il profilo di Alessandra Carlotta Pellegrini è stato dunque ritenuto il più coerente con gli obiettivi operativi sopra esposti. Infatti Alessandra Carlotta Pellegrini, allieva di Pier Luigi Petrobelli, alla comprovata esperienza di lavoro presso istituzioni di alto prestigio in ambito musicologico, con particolare riferimento alla valorizzazione del patrimonio archivistico, anche sonoro e multimediale, unisce capacità di coordinamento di progetti complessi di ricerca ed in ambito editoriale. Numerose anche le sue pubblicazioni scientifiche sulla musica dell’Otto e del Novecento e gli interventi a convegni e seminari internazionali, Alessandra Carlotta Pellegrini sta inoltre curando l’edizione critica della Jérusalem.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento