menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme sulle carni, Piroli: «Nelle mense scolastiche seguiamo la dieta mediterranea»

Consumo di carni rosse e menu delle refezioni scolastiche, l’intervento dell’assessore Giulia Piroli

L’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità sulla pericolosità delle carni rosse continua ad alimentare la polemica. L’assessore alle Politiche  scolastiche ed educative Giulia Piroli interviene nel dibattito precisando che “il menu delle refezioni scolastiche, redatto dall’Asl, applica le indicazioni della dieta mediterranea, il cui modello nutrizionale, costituito principalmente da olio di oliva, cereali, frutta fresca o secca, verdure, una moderata quantità di pesce, latticini e carne, è rimasto costante nel tempo e nello spazio. Tuttavia, la dieta mediterranea (dal greco diaita, o stile di vita) è molto più che un semplice alimento. Essa promuove l’interazione sociale, poiché il pasto in comune è alla base dei costumi sociali e delle festività condivise da una data comunità, e ha dato luogo a un notevole corpus di conoscenze, canzoni, massime, racconti e leggende.

Due anni fa, in accordo con le linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica, il Comune di Piacenza ha ridotto la presenza della carne all’interno del menu scolastico. Carne rossa che ricordiamo essere di provenienza locale e biologica, un valore aggiunto in più. Il Comune si è allineato alle linee di indirizzo anche con lo spuntino di metà mattina e metà pomeriggio composto da frutta. Il testo ministeriale infatti sostiene che è opportuno distribuire uno spuntino a metà mattina con l’obiettivo di dare al bambino, nella pausa delle lezioni, l’energia necessaria a mantenere viva l’attenzione senza appesantire la digestione e consentirgli di arrivare a pranzo con il giusto appetito. Tale spuntino deve fornire un apporto calorico pari all’8% - 10% del fabbisogno giornaliero ed essere costituito preferibilmente da frutta e ortaggi di semplice consumo. La merenda del pomeriggio, quando fornita, deve essere pari, per apporto calorico e per alimenti componenti, allo spuntino”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento