menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alluvione, Meteo Valnure: «Evento previsto da qualche giorno»

L'analisi di Meteo Valnure: «Analizzando la situazione prevista nella giornata di domenica 13 settembre già qualche giorno prima avevamo capito che la configurazione che si stava venendo a creare era potenzialmente pericolosa per tutto il versante Ligure-Emiliano»

«La passione per la meteorologia ci spinge oltre qualsiasi porta, talvolta chiusa, ma dare una spiegazione  ai molteplici eventi estremi che ormai colpiscono il nostro territorio ci riempie di gioia nonostante, come accaduto nelle ultime ore bisogna fare i conti con eventi tragici come chi perde la vita, la casa o tutto quello che si è guadagnato con tanti sacrifici per una vita intera». Scrive in una nota Meteo Valnure. 

«Fatta questa premessa, doverosa da parte nostra, proviamo a capire perché tra tutti gli appassionati e non di questa fantastica scienza l’evento accaduto era già da qualche giorno previsto. Analizzando la situazione prevista nella giornata di domenica 13 settembre già qualche giorno prima avevamo capito che la configurazione che si stava venendo a creare era potenzialemte pericolosa per tutto il versante Ligure-Emiliano, ben visibile un' ampia saccatura atlantica con un flusso di correnti umide da sud ovest dirette verso il Nord Italia ed in special modo su tutto il versante ligure esposto».

«Con il passare dei giorni e con aggiornamenti sempre più attendibili per l’avvicinarsi dell’evento anche i modelli su scala locale iniziavano a darci i primi segnali delle zone potenzialmte colpite da questa ondata di maltempo, ma anche Estofex (European Storm Forecast Experiment) ci segnalava un attenzione di livello 2 per fenomeni estremi».

«I modelli su scala locale (LAM) evidenziavano l’area potenzialmente colpita ed interessata da fenomeni violenti come quella compresa tra basso Piemonte, tutto il versante Ligure ed il versante Emiliano. Le mappe di previsione che vi mostriamo per noi appassionati autodidatti sono la consuetidine giornaliera che fa parte di tutte le nostre giornate e come possiamo notare gli accumuli previsti preannunciavano un evento di portata straordinaria. Accumuli in millimetri previsti nelle 24 ore fino alla domenica pomeriggio. La situazione che si è venuta a creare non è insolita in questo periodo a causa di molteplici fattori tra cui mari caldi dopo un estate tra le più roventi degli ultimi 200 anni, le prime perturbazioni atlantiche che iniziano a scendere di latitudine interessando anche il settentrione Italiano, unite a dinamiche locali come la convergenza dei venti previsti in al suolo per la serata di domenica, che come possiamo notare genera una divergenza proprio in corrispondenza delle zone colpite dall’alluvione che ci ha interessato». Conclude la nota. 

Schermata 2015-09-15 alle 01.49.01-2

Schermata 2015-09-15 alle 01.48.51-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento