Alluvione: si indaga sul crollo della provinciale, i tempi d'allarme, le dighe e la manutenzione degli alvei

Crollo della strada provinciale a Recesio che ha provocato il decesso di due persone, deflusso delle acque dalla diga, tempi di allarme, manutenzione degli alvei dei fiumi Nure e Trebbia. Questi gli osservati speciali della procura che continua ad acquisire documenti e dichiarazioni

La provinciale crollata a Recesio

Crollo della strada provinciale a Recesio che ha provocato il decesso di due persone, deflusso delle acque dalla diga, tempi di allarme, manutenzione degli alvei dei fiumi Nure e Trebbia. Sono gli osservati speciali della procura che continua ad acquisire documenti e dichiarazioni sulla terribile alluvione che ha devastato mezza provincia e Roncaglia. Il fascicolo aperto dai magistrati continua a ricevere informazioni da parte dei carabinieri della Compagnia di Bobbio che sono stati delegati alle indagini. 

Per ora la procura non ha ipotizzato alcun reato né iscritto alcuna persona nel registro degli indagati. Soltanto quando si avrà un quadro chiaro di ciò che è avvenuto e lo si metterà in relazione ad eventuali responsabilità si potranno delineare i reati all’interno di questa inchiesta complessa. Di sicuro dovrebbe essere ipotizzato l’omicidio colposo per i due deceduti (un terzo disperso non è ancora stato trovato), ma potrebbe configurarsi anche il disastro colposo. A questi, poi, potrebbero affiancarsi altri reati legati a comportamenti di omissione.

I carabinieri, nel frattempo, acquisiscono documenti soprattutto dai Comuni. Per quanto riguarda la strada crollata a causa dell’ondata del Nure, tra Bettola e Pontedellolio, oltre alla documentazione prelevata da Anas e Provincia, gli investigatori hanno sentito diversi testimoni e anche gli ex cantonieri. Insomma, la procura prosegue senza sosta il proprio lavoro di accertamento di un disastro improvviso che ha sconvolto la vita di centinaia di famiglie, provocato danni per oltre 80 milioni e mostrato la fragilità di un territorio di cui da anni tanti parlano o denunciano, ma che non ha mai avuto risposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento