rotate-mobile
Cronaca Castel San Giovanni

Amazon, i sindacati: «Si riprenda il confronto». L'azienda: «E' meglio che avvenga in un contesto più sereno»

I sindacati: «Il rinvio è irresponsabile e pericoloso. Entro 6 dicembre si riprenda il confronto. Pronti a sospendere stato di agitazione se la trattativa riprende», l'azienda risponde: «Abbiamo proposto di spostarlo ad inizio gennaio in modo da far sì che il confronto avvenga in un contesto più sereno e sgombro da pregiudiziali, nel rispetto delle prerogative di entrambe le parti»

«Le organizzazioni sindacali unitamente alle rappresentanze sindacali aziendali, a seguito del rinvio deciso da parte di Amazon che riteniamo irresponsabile, pericoloso, e teso ad elevare il livello dello scontro, chiedono un incontro urgente da svolgersi perentoriamente entro il sei dicembre al fine di riprendere un confronto proficuo e costruttivo nell'interesse reciproco sui temi inerenti le istanze più volte sollevate dai lavoratori. In assenza di un riscontro da parte dell'azienda, sui temi da noi descritti, non ci sarà ulteriore spazio per una mediazione e sarà chiara la responsabilità di tutto quello che potrà accadere». Si legge in una nota ufficiale. «In caso - concludono - di riapertura della trattativa simao disponibili a sospendere lo stato di agitazione dichiarato. Anticipiamo fin da ora che nelle assemblee già indette l'11 dicembre assumeremo con i lavoratori le decisioni che il caso richiederà»

LA RISPOSTA DI AMAZON - «L’incontro di oggi era stato fissato da tempo al fine di presentare alle organizzazioni sindacali il nuovo responsabile del centro di distribuzione di Castelsangiovanni. Abbiamo proposto di spostarlo ad inizio gennaio in modo da far sì che il confronto avvenga in un contesto più sereno e sgombro da pregiudiziali, nel rispetto delle prerogative di entrambe le parti» «In Italia così come avviene negli altri Paesi in Europa in cui siamo presenti, manteniamo relazioni con le rappresentanze dei lavoratori e le organizzazioni sindacali; allo stesso tempo manteniamo la nostra politica di porte aperte che incoraggia i dipendenti a trasferire i loro commenti, le loro domande e le loro preoccupazioni direttamente al proprio management team. Crediamo fermamente che questo rapporto diretto sia il modo più efficace per capire e rispondere alle esigenze del nostro personale».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amazon, i sindacati: «Si riprenda il confronto». L'azienda: «E' meglio che avvenga in un contesto più sereno»

IlPiacenza è in caricamento