"Amici del Facsal": «Stavolta la fiera di Sant'Antonino si è svolta nel rispetto delle regole»

"Gli amici del Facsal" intervengono in merito all'ultima edizione della Fiera di Sant'Antonino: «Si è svolta finalmente, nel rispetto delle regole che tutelano il verde pubblico ed i platani centenari»

L'associazione "Gli amici del Facsal" intervengono in merito l'ultima edizione della Fiera di Sant'Antonino: «La Fiera si è svolta quest’anno, finalmente, nel rispetto delle regole: sono state rispettate le norme che tutelano il verde pubblico ed i platani centenari; le aiuole non sono state usate come parcheggi e sono stati posizionati i bagni chimici a disposizione dei numerosissimi visitatori. Pur confermando, quindi, l’opinione che il Facsal non è il luogo ideale per organizzare eventi che richiamano migliaia di persone, sarebbe ingiusto non riconoscere all’Amministrazione, da un po’ di tempo a questa parte, gli sforzi fatti per salvaguardare il più possibile il nostro bel Viale».

"NEGLI ANNI SCORSI CHIODI NEI TRONCHI" - E continua: «Come dimenticare che solo qualche anno fa i cavi elettrici venivano sospesi piantando grossi chiodi nei tronchi degli alberi? Cogliamo comunque l’occasione per chiedere nuovamente all’Amministrazione che le risorse introitate dalla tassa per l’occupazione di suolo pubblico siano impiegate per rimediare ai danni provocati dai vari mercati in questi ultimi anni e di mantenere la promessa fatta lo scorso anno di sostituire i platani tagliati; e ci chiediamo, in proposito ad esempio, perchè le contravvenzioni elevate a suo tempo agli ambulanti per danneggiamento del verde, non sono servite per risistemarlo? Crediamo che i nostri comunicati di denuncia siano serviti a porre in evidenza il rischio che diventasse “normale” trasgredire alle regole ed alle norme riguardanti la tutela del verde pubblico ed all’uso indiscriminato di un bene così prezioso per la collettività.

"I CITTADINI HANNO IL DIRITTO DI RIUNIRSI" - «Inoltre, poiché sempre più di frequente qualcuno esterna la propria “allergia” ai Comitati nati a Piacenza negli ultimi tempi, cogliamo l’occasione per ribadire anche noi che i cittadini hanno tutto il diritto di riunirsi in Associazioni o in Comitati per tutelare il luogo che amano e in cui vivono, naturalmente nei tempi e nei modi opportuni. Dovrebbe, al contrario, suscitare perplessità il fatto che si avverta tanto distacco tra vari problemi e l’attenzione ad essa dedicata da alcuni amministratori pubblici. Se fossimo al loro posto, invece che lamentarci, vedremmo di approfondire maggiormente i problemi sollevati, entrando nel “merito” delle questioni, nella loro “sostanza”, invece che curarci troppo del “metodo”. E’ stato proprio questo il compito che la nostra associazione si è prefissata al momento della costituzione; incontrando poi la sensibilità e la disponibilità di tanti cittadini ma anche di diversi amministratori ed addetti ai lavori: a cominciare dall’assessore Tarasconi, dalla comandante della Polizia Municipale Elsa Boemi, fino ai funzionari di Iren Piacenza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"RISPETTO DELLE REGOLE E' ESSENZIALE" - E conclude: «Riteniamo infine che la qualità della vita e la felicità siano strettamente correlate e tutti dobbiamo aspirare e pretendere, per questo, il rispetto delle regole che rappresentano la condizione essenziale per il dispiegarsi della giustizia; ciò deve servire anche come esempio ai giovani per far sì che trascorrere il tempo libero in un luogo ordinato e decoroso li invogli a preservarlo contro coloro che invece distruggono e vandalizzano; anche questi sono “valori” indispensabili per il raggiungimento del fine più importante a cui tutti noi, partecipi di una comunità di persone (a cominciare dagli amministratori pubblici), dovremmo aspirare: il bene comune».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento