menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Andar per calendari: la bellezza della Valdaveto

La nostra rassegna almanacchi 2016 di comuni, enti e associazioni, ospita oggi i 366 giorni di Torrio Vald’aveto

Torrio Val d’Aveto presenta – grazie al sostegno del suoConsorzio rurale e di alcuni sponsor -il territorio attraverso il calendario formato cm. 32 x 24 che, al pari delle edizioni precedenti, merita di essere conservato tra i ricordi di chi apprezza le valli dell’Aveto e del Nure. In copertina l'immagine a colori dell’elicottero dei Vigili del Fuoco in una missione sul territorio. Le pagine successive raffigurano con efficacia la bellezza del territorio nelle quattro stagioni: ogni mese è accompagnato da una fotografia a tutto foglio e da una seconda pagina con il calendario classico e quattro  istantanee scattate  in tempi recenti e in tempi lontani: ricordi e momenti di vita paesana, riunioni, gruppi familiari e di amici; la pagina è completata da aforismi, filastrocche, detti e proverbi.

I mesi di Gennaio e Febbraio presentano suggestive panoramiche dei monti coperti da una alta coltre di neve. A Marzo la fotodei monti di Torrio conil profilo lontano delle Alpi. Ad Aprile le montagne si colorano di un verde tenue che si tonificanei successivi tre mesi. Incontrastata signora di agosto è la figura che comprende la statua dell’Arcangelo San Raffaele, sulla vetta del monte Crociglia, attorno alla quale ogni anno, nella seconda domenica dell’ottavo mese, si danno appuntamento autorità e diverse centinaia di persone delle valli piacentine e liguri che ascoltano la messa celebrata da don Guido Balzarini.

A settembre e ottobre i fiammeggianticolori evocano l’autunno e suggerisconoancora l’opportunità di compiere passeggiate ed escursioni; a novembre sul bel paesaggio si addensano bianche nubi; adicembre il paese inprimo piano con strade ecasenuovamente imbiancati dalla neve.  Le ultime trepagine sono dedicate al 60° della stele dell’Arcangelo San Raffaele sulmonte Crociglia raccontato dal prof. Don Guido Balzarini.

L’edizione 2016 dell’almanacco si avvale del coordinamento e dell’impaginazione di Giancarlo Peroni, della collaborazione della Scuola grafica genovese E. Frassicomo, degli archivi fotografici della popolazione e dei contributi fotografici dei nuovi amici di Torrio.

2015-12-23 23.19.18-2

Torrio-7

I LINK DELLA NOSTRA PARATA:

- https://www.ilpiacenza.it/cultura/quando-nei-calendari-piacentini-c-erano-ricette-proverbi-e-i-consigli-sulle-coltivazioni.html

- https://www.ilpiacenza.it/cultura/andar-per-calendari-il-novecento-dai-calendarietti-profumati-a-max-e-pirelli.html

- https://www.ilpiacenza.it/cultura/andar-per-calendari-l-annuario-di-ferriere-con-immagini-e-disegni-degli-alunni.html

- https://www.ilpiacenza.it/cultura/andar-per-calendari-l-antico-e-vero-solitario-piacentino.html

- https://www.ilpiacenza.it/cultura/andar-per-calendari-365-giorni-insieme-a-oswaldo-barbieri-terribile.html

- https://www.ilpiacenza.it/cultura/andare-per-calendari-natura-mozzafiato-per-i-365-giorni-di-ferriere.html

- https://www.ilpiacenza.it/cultura/andare-per-calendari-366-giorni-di-dettagli-di-grazzano-visconti.html

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento