Anteas, un nuovo mezzo per il trasporto dei disabili e degli anziani

Anteas Onlus potrà dare un aiuto a chi si trova in difficoltà grazie al mezzo che riceverà in comodato d'uso gratuito grazie alla collaborazione di "Servizi di utilità sociale": il veicolo è attrezzato per il trasporto di persone diversamente abili, anziani e malati

Da sinistra: Ferrari, Molinari, Cugini, Tamborlani, Dassi, Panzetti

«L'idea di proporre un servizio di trasporto per anziani e disabili - racconta Marina Molinari (Cisl) - nasce da una mia esperienza di qualche anno fa: trovai una persona anziana che non si ricordava più dove abitasse e, dopo aver girato gran parte della città con la mia macchina, riuscii a riportarla a casa. Questo episodio mi rese chiaro quanto fosse importante aiutare i meno fortunati negli spostamenti». 

L'associazione di volontariato Anteas Onlus, con il patrocinio del Comune di Piacenza, potrà dare un aiuto a chi si trova in difficoltà: sarà proprio questa associazione che riceverà in comodato d'uso gratuito un veicolo attrezzato per il trasporto di persone diversamente abili, anziani e malati. 

Gli anziani soli per esempio potranno utilizzare questo servizio per  essere accompagnati a fare la spesa, ritirare la pensione o fare una visita medica. I disabili potranno essere portati a scuola o a fare le terapie. 
«Usando il 5 per mille - afferma Giuseppe Tamborlani, presidente di Anteas - abbiamo pensato di creare la possibilità di trasporto per chi è impossibilitato a muoversi. Il sogno di aiutare le persone in difficoltà si sta realizzando». 

Il numero verde gratuito del "Pronto Cisl" a cui ci si può rivolgere per il disbrigo di pratiche fiscali e socio-assistenziali è 800.945020. 

«Il sevizio di trasporto - spiega Luigi Dassi dell'azienda dei "Servizi di utilità sociale" - per i disabili e gli anziani è molto importante per la società. Per questo motivo la nostra azienda ha deciso di consegnare un mezzo, un Fiat Doblò, pronto per essere utilizzato per il trasporto dei disabili». 

Il mezzo rimarrà a Piacenza per 4 anni e il servizio potrà essere prorogato per altri 4 anni. Il progetto sarà operativo tra qualche settimana ma il numero verde di Cisl è già attivo. 

«Vogliamo far sapere alla cittadinanza - interviene Marina Molinari della Cisl - che le risorse del 5 per mille vengono utilizzate per i servizi sul territorio: per esempio questo denaro verrà usato per pagare la benzina che servirà per gli sposamenti. Stiamo anche chiudendo un accordo con le farmacie comunali che hanno chiesto di avere un supporto per l'attività di consegna dei farmaci a domicilio». 
Il progetto ha ottenuto anche il supporto dell'Amministrazione comunale:  «Il welfare si fa in rete - dice l'assessore Cugini - Il sociale non guarda alle sigle ma ai bisogni: per questo abbiamo dato volentieri il nostro patrocinio per questo progetto. Il sistema di welfare riesce a raggiungere il 25 per cento delle persone del territorio, la sfida è quella di andare ad intercettare anche il restante 75 per cento».  

Alla conferenza era presente anche Luigi Panzetti che si occupa della parte commerciale dell'azienda "Servizi di utilità sociale". Le attività economiche interessate ad aderire al progetto possono contattare il numero verde gratuito 800.968982. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento