Aree militari in dismissione, un seminario con le città partner del progetto europeo

Entra nel vivo il progetto europeo sulle aree militari in dismissione di cui Piacenza è capofila, nell’ambito del programma comunitario Urbact III

Entra nel vivo il progetto europeo sulle aree militari in dismissione di cui Piacenza è capofila, nell’ambito del programma comunitario Urbact III. Giovedì 29 e venerdì 30 ottobre, Palazzo Farnese ospiterà il primo meeting internazionale che vedrà la partecipazione delle tre città partner per questa prima fase: la spagnola Cartagena, la croata Varazdyn e l’ungherese Szombathely.

Saranno presenti i referenti dei tre Comuni stranieri coinvolti, oltre all’architetto Luca Lanzoni, esperto cui l’Ue ha affidato la supervisione del progetto, nonché la funzionaria Evgenia Koutsoumarkou, per la segreteria di Urbact. Nell’ambito del fitto calendario di incontri e approfondimenti previsto dal seminario tecnico, giovedì 29 alle 12.15, presso il salone Pierluigi di Palazzo Farnese, si terrà una conferenza stampa cui interverranno anche gli assessori all’Urbanistica e ai Fondi comunitari del Comune di Piacenza, Silvio Bisotti e Luigi Gazzola.

Sarà l’occasione per presentare il nuovo logo e nome del progetto – originariamente “Disarmed Cities”, oggi racchiuso nell’acronimo “Maps – Military Areas as Public Spaces” – e per conoscere i rappresentanti delle città che, insieme a Piacenza, nei prossimi sei mesi saranno chiamate a confrontarsi sul tema delle trasformazioni urbane connesse alla dismissione di numerose aree militari in Europa. Un patrimonio architettonico da valorizzare – come è tra gli obiettivi del progetto – a fini di inclusione sociale e sostenibilità, coinvolgendo le comunità locali nel ridefinire ruoli e funzioni di tali spazi, destinati ad avere un impatto significativo sul territorio.

Nel corso della due giorni a Palazzo Farnese, che si chiuderà con la visita ad alcune realtà di interesse per il tema trattato, saranno inoltre vagliate le candidature delle città italiane ed estere tra le quali verranno scelti gli ulteriori sei partner del progetto, che entro il marzo 2016 si riuniranno nuovamente a Piacenza per il meeting conclusivo della prima fase.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento