rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Arma, dal 12 novembre ventisei carabinieri in più: quattro sono forestali

Dal 12 novembre il comando provinciale dei carabinieri di Piacenza che comprende le tre compagnie, Piacenza, Bobbio e Fiorenzuola, potrà contare su 22 nuovi militari e quattro carabinieri forestali

Dal 12 novembre il comando provinciale dei carabinieri di Piacenza che comprende le tre compagnie, Piacenza, Bobbio e Fiorenzuola, potrà contare su 22 nuovi militari e quattro carabinieri forestali. Complessivamente in Emilia Romagna saranno dislocati 245 carabinieri, di cui 30 assegnati ai comandi forestali specializzati nell’assolvimento delle funzioni di tutela forestale, ambientale e agroalimentare. I giovani carabinieri hanno seguito un intenso percorso formativo comune di base, iniziato nel mese di dicembre, per poi specializzarsi a seconda dell’organizzazione di successiva destinazione ossia quella territoriale o quella forestale. Tutti sono stati formati nelle Scuole dell’Arma dei Carabinieri di Torino, Velletri, Campobasso, Iglesias, Reggio Calabria.  Il personale che sarà impiegato nei reparti della linea forestale ha frequentato lo specifico corso di specializzazione presso la storica Scuola dell’ex Corpo Forestale dello Stato di Cittaducale.

carabinieri forestali 2018-2I 215 militari, di cui 41 di sesso femminile, assegnati all’organizzazione territoriale contribuiranno ad accrescere i livelli di sicurezza delle comunità dell’Emilia Romagna ove saranno chiamati ad operare, rafforzando l’efficacia della rete dei servizi di prossimità al cittadino, rappresentati dalle 340 Stazioni e 5 Tenenze dipendenti dai 9 Comandi Provinciali. I reparti alimentati con le nuove risorse sono stati scelti dal Comando Legione, privilegiando soprattutto le aree ove l’Arma è l’unico presidio di polizia, al fine di incrementare la loro proiezione esterna con servizi di controllo del territorio e così fornire immediate risposte al cittadino.  Per quanto riguarda i 30 militari, di cui 4 donne, della linea Forestale, alcuni sono stati destinati alle Stazioni Carabinieri Forestali, altri, invece, alle Stazioni Carabinieri Parco. Queste ultime, in particolare, svolgono attività di sorveglianza e vari compiti di alta specializzazione in raccordo funzionale con gli Enti Parco nell’ambito dello splendido Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano e di quello delle Foreste Casentinesi. Tra i Carabinieri assegnati alle Stazioni Forestali e a quelle Parco, alcuni sono specializzati in informatica. Essi andranno ad affiancarsi alla rete dei Carabinieri esperti telematici che operano nell’ambito dell’organizzazione territoriale, che provvedono all’assistenza diretta per il funzionamento dei numerosi applicativi utilizzati per l’e-government ossia per la gestione delle attività operative, logistiche e amministrative e per gli interventi di mantenimento in efficienza degli apparati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arma, dal 12 novembre ventisei carabinieri in più: quattro sono forestali

IlPiacenza è in caricamento