Armi e droga, assolto dalle accuse l’albanese

Venne arrestato nel 2017 dalla Finanza. I giudici lo condannano solo per la ricettazione a tre anni, ma essendo stato già in carcere per un anno, è subito tornato in libertà. Condannato per ricettazione anche il suo socio piacentino, i due avevano un’impresa di trasporti. A denunciare l’albanese e suo fratello fu lo zio

Nelle fotografie gli inquirenti e gli avvocati Pontini, Antonini e Cervini

Niente armi, né droga. Adriatik Merhori, 46 anni, è stato assolto dalle accuse più pesanti e condannato a 3 anni solo per la ricettazione di elettrodomestici e scarpe trovate nel suo magazzino. L’uomo, attualmente era ai domiciliari e aveva il braccialetto elettronico, è stato rimesso subito in libertà. Il collegio presieduto da Stefano Brusati, con Sonia Caravelli e Fiammetta Modica, dopo due ore e mezzo di camera di consiglio, ha condannato a due anni, sempre per ricettazione (unico reato di cui doveva rispondere) anche Alessio Boselli, 47 anni, socio di Adriatik nella ditta di trasporti Adelaide. Soddisfatto l’avvocato Mauro Pontini, difensore di Merhori, che si è visto accogliere la richiesta di assoluzione per i gravi reati che gli venivano contestati: concorso in detenzione ai fini di spaccio, detenzione di armi e munizioni, ricettazione delle armi. Il pm Antonio Colonna aveva chiesto per lui la condanna a 13 anni. «Abbiamo sempre sostenuto che c’entrasse nulla - ha affermato Pontini - con droga e armi, né sapeva che si trovassero nella casa a San Lazzaro. Come aveva sostenuto anche il fratello Altin, un testimone credibile».

Latitante arrestato con droga e armi ©IlPiacenza (2)-2-2Annalisi Cervini, che difendeva Boselli, ha detto che «lette le motivazioni della sentenza ricorreremo in Appello e lì faremo emergere le prove che lo scagionano. Boselli ha sempre respinto le accuse, è innocente». Il 24 gennaio è andato in scena l’ultimo atto del processo di primo grado. Pontini, ultimo avvocato a parlare, ha chiesto l’assoluzione per Merhori da tutte le accuse. Inoltre, l’avvocato aveva sottolineato che in caso di pena inferiore a 4 anni Merhori andasse rimesso in libertà (l’uomo è stato in carcere per un anno e un mese), ricordando ai giudici il comportamento corretto durante tutta questa vicenda. E così è avvenuto.Pontini - al quale al termine ha replicato il pm Colonna, ha sostenuto la credibilità del fratello Altin (condannato a otto anni per quelle armi e quella droga). E che le prove trovate su precedenti inchieste in cui era stato Altin non si sono estese al fratello. I due erano stati accusati dallo zio, Moustafà Yhihani, che aveva detto alla Guardia di finanza che nella loro casa c’erano armi e droga. Il blitz delle Fiamme gialle, nel dicembre 2017, portò alla luce due chili di cocaina, dieci di marijuana, due pistole risultate rubate, un centinaio di munizioni, un caricatore e 5 giubbotti antiproiettile. Secondo Altin, si sarebbe trattato di una vendetta per dei soldi di un’assicurazione che Adriatik non avrebbe versato allo zio cervini avvocato-2

Inoltre, per la difesa - Merhori era assistito anche da Vittorio Antonini - in una intercettazione ritenuta importante si sarebbe parlato di una pistola «ma quella parola non è mai stata pronunciata». La casa di Adriatik, poi, non è mai stata perquisita da nessuno, nonostante lui era accusato di detenere armi e droga. E nessuno, anche il Ris di Parma, ha mai eseguito una perizia sulle due pistole ritrovate in casa». Adriatik non è mai stato visto da nessuno in via Sacconi, a San Lazzaro, dove la casa sarebbe stata affittata per sei anni «e il proprietario ha sempre detto di aver visto solo Altin, che pagava regolarmente. Secondo la Finanza, Roland Kulla (un albanese poi arrestato per spaccio) era sotto inchiesta da due anni da parte dei carabinieri di Pavia, «ma il nome di Adriatik non emerge mai. I due si sentono solo in una telefonata, quando Adriatik gli dice che era stato arrestato il fratello».

I difensori hanno puntato sull’attendibilità di Altin, ritenuto invece non credibile dal pm. Così come il racconto dello zio presenterebbe alcune anomalie, anche lo zio stesse non sarebbe stato un teste trasparente. «Durante la denuncia - ricorda Pontini - parla, firma e rilegge il verbale della Finanza. Poi arriva in aula e dice di non conoscere l’italiano, chiedendo un interprete». Sul silenzio tenuto da Adriatik - e più volte sottolineato da Colonna, secondo il quale se uno è innocente lo urlerebbe - Pontini ha affermato che se uno sa che c’è la droga in casa, non ha l’obbligo di dirlo, non è un poliziotto «è un comportamento omissivo. E poi, se anche Adriatik avesse saputo che cosa stesse facendo Altin questo non è mai emerso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

pontini antonini 1-2Colonna ha replicato che la difesa ha trascurato il ruolo di interpretazione degli atti dei processi da parte della pubblica accusa. La difesa ha interpretato, ma questa non è una prova. «E’ mancata la voce dell’imputato. I piani non vanno confusi» ha chiosato il pm. Sulla pistola, Colonna ha ricordato «che non è importante la parola “pistola”. Al telefono, Altin dice che Adriatik sapeva delle armi e temeva che le prendesse lo zio. Un particolare emerso anche dalle intercettazioni in carcere tra i due fratelli, quando Altin dice che quelle pistole “non sono nostre”». I due fratelli, Altin e Adriatik, erano stati coinvolti nell’omicidio di un loro connazionale a Sesto San Giovanni nel 1997. Altin sta scontando la pena di 16 anni per la condanna del 2004, dalla Procura generale di Milano. L’uomo fuggì in Albania per alcuni anni e quando tornò in Italia, venne arrestato nel 2017 dalla Finanza nella vicenda piacentina. Anche Adriatik venne condannato a 16 anni, ma scontò tutta la pena beneficiando anche dell’affidamento in prova. Si rifece una vita e aprì l’azienda a Piacenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento