Arrestata per omicidio a Ravenna, a Piacenza era già finita nei guai per stalking e resistenza

Omicidio nella notte a Ravenna in una piadineria di via Caravaggio. In carcere è finita Maila Conti: è accusata di aver accoltellato il compagno Leonardo Politi. I due abitavano a Travo. La donna è anche accusata di stalking nei confronti dell'ex moglie del compagno e di lesioni (ha preso a testate una poliziotta in via Dante)

Il luogo dell'omicidio, Maila Conti e Leonardo Politi

Ha un nome la vittima del brutale omicidio che si è verificato nella notte tra lunedì e martedì in una piadineria di Lido Adriano a Ravenna. Si tratta di Leonardo Politi, 61enne originario di Travo dove l'uomo ha vissuto per anni insieme alla compagna 51enne Maila Conti, la stessa donna che lo avrebbe accoltellato nella notte. Lei è una ex vigilessa, nata nel Milanese, e da qualche mese gestiva il chiosco di piadina di via Caravaggio nel quale ogni tanto il compagno dava una mano. Sarebbe stata la stessa donna, resasi conto di quanto accaduto, a chiedere aiuto ai passanti, che hanno poi dato l’allarme facendo intervenire i mezzi del 118 e i carabinieri.  L’uomo - come scrive RavennaToday -,  in condizioni disperate per il fendente al petto ricevuto, è stato portato in ospedale, ma nonostante la corsa a sirene spiegate è deceduto in pronto soccorso. In via Caravaggio sono intervenuti i Carabinieri del Radiomobile e la donna è stata arrestata con l'accusa di omicidio e portata al carcere di Forlì. Del fatto è stato informato il pm di turno, Antonio Vincenzo Bartolozzi. Tra le ipotesi al vaglio dei Carabinieri ci sarebbero motivi di gelosia. A ottobre dello scorso anno la donna, che aveva gestito un bar in viale Dante a Piacenza, era già stata arrestata dopo aver colpito con una testata dei poliziotti intervenuti durante una festa che la 51enne aveva organizzato nel suo locale. Conti è anche accusata di stalking nei confronti dell'ex moglie del suo compagno Politi. La donna negli anni l'avrebbe perseguitata e minacciata più volte, nel mirino della Conti anche le due figlie dell'uomo. A marzo 2019 era arrivata a minacciare di morte l'ex consorte del Politi presentandosi più volte nel ristorante dove la donna lavorava, in ultimo aveva anche minacciato i carabinieri di Rivergaro: «Io vi dò una testata, tanto l'ho già fatto ad una poliziotta e sono già stata arrestata. Io non ho paura delle divise mi fate schifo», opponendo resistenza ai militari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella notte: muore un uomo, ferita una 40enne

  • Trovato morto vicino al suo camion, indagini in corso

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

  • Dalla logistica la merce rubata finiva in negozi compiacenti: 14 persone in carcere

  • Dopo sei anni incontra per caso l'uomo che la rapinò e ferì con un cacciavite e lo fa denunciare

Torna su
IlPiacenza è in caricamento