Arrestato lʼex giudice Francesco Bellomo che imponeva il "dress code" alle borsiste

Arresti domiciliari per Francesco Bellomo, ex giudice barese del Consiglio di Stato, al centro dello scandalo per gli obblighi e divieti imposti alle borsiste dei suoi corsi per la preparazione al concorso in magistratura

Francesco Bellomo

I carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Bari hanno eseguito una misura cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di Francesco Bellomo, ex magistrato del Consiglio di Stato, docente e direttore scientifico dei corsi post-universitari per la preparazione al concorso in magistratura. Tra le accuse contestate quella di maltrattamenti nei confronti di numerose allieve del corso. Il Gip infatti contesta all'ex magistrato "Comportamenti sistematici di sopraffazione, controllo, denigrazione e intimidazione." Secondo gli inquirenti, Bellomo avrebbe instaurato con le borsiste rapporti confidenziali e, in alcuni casi, sentimentali.

Nell'ambito di questo tipo di rapporti, "facendo leva sul rispetto degli obblighi assunti, si sarebbe reso responsabile nei loro confronti di comportamenti sistematici di sopraffazione, controllo, denigrazione ed intimidazione offendendone in tal modo il decoro e la dignità personale, limitandone la libertà di autodeterminazione e riducendole in uno stato di prostrazione e soggezione psicologica".

All'ex consigliere di Stato è contestato anche un episodio di estorsione in quanto avrebbe costretto, secondo l'accusa, "una allieva e borsista, a rinunciare all’impiego di co-presentatrice addetta alla postazione web in programmi televisivi in quanto incompatibile con l’immagine di aspirante magistrato e di borsista, minacciando di revocarle altrimenti la borsa di studio". 

Il comportamento anomalo di Bellomo fu segnalato proprio da una studentessa piacentina e dalla sua famiglia. La giovane piacentina, secondo l'accusa, sarebbe stata insultata, minacciata e sottoposta a interrogatori di vario genere, anche incrociati, sulla precedente vita sessuale, con la richiesta, tra l'altro, di organizzare una tabella con indicazione di luoghi, frequenza e modalità. A Piacenza il processo va avanti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento