Artigiano in fiera 2013: Piacenza protagonista sul palcoscenico milanese

Questa mattina la visita istituzionale al padiglione 5 nella "piazza piacentina" sostenuta da Provincia, Camera di Commercio e Comune. Trespidi e Parma: "Evento di punta in vista di Expo 2015". Piacenza è l'unico territorio della Regione Emilia Romagna rappresentato in modo istituzionale in fiera

Per il quarto anno consecutivo Piacenza si conferma protagonista alla manifestazione “Artigiano in fiera”, la Mostra mercato Internazionale in scena a FieraMilano dal 30 novembre fino all'8 dicembre. La manifestazione, che giunge quest’anno a livello nazionale alla 18esima edizione, è dedicata alla promozione e alla vendita dei prodotti artigianali ed agroalimentari di tutto il mondo, ma rappresenta anche un'ottima occasione di marketing e di promozione integrata del territorio.

Piacenza partecipa con la formula collettiva - grazie all'impegno e al sostegno economico della Provincia di Piacenza (che ha messo a disposizione risorse per lo stand e per l'abbattimento dei costi di partecipazione a carico delle imprese), della Camera di Commercio (che ha messo a disposizione direttamente risorse per le imprese oltre al budget condiviso con Provincia e Comune), del Comune di Piacenza e della Regione Emilia Romagna - con l'allestimento di un'area centrale (di circa 120 metri quadrati) circondata dagli stand delle imprese piacentine. L'area centrale ospita una serie di eventi-manifestazioni-degustazioni; agli Iat territoriali è invece affidata la promozione turistica. Fino ad oggi sono stati registrati dal personale degli Iat piacentini 500 nuovi contatti: il pubblico si è mostrato interessato soprattutto ai percorsi ciclistici, alla sentieristica, agli aspetti enogastronomici e naturalistici e alla visita dei castelli. Piacenza è l'unico territorio della Regione Emilia Romagna rappresentato in modo istituzionale in fiera.

“Il sistema piacentino – ha detto il presidente della Provincia Massimo Trespidi - ha saputo mettere in pratica una politica di rilancio e di coraggio nonostante il momento di forte difficoltà economica.  Si conferma in questo quadro il ruolo strategico di Piacenza come territorio di cerniera e ponte tra due regioni: con Artigiano in Fiera 2013 prosegue la volata verso Expo 2015. La capacità di promozione delle imprese che operano sul territorio piacentino risulta essere la carta vincente per un  ritorno economico e commerciale futuro”. “La provincia di Piacenza – ha aggiunto Antonio Intiglietta presidente di GeFi (Gestione Fiere) che ha incontrato gli amministratori piacentini allo stand istituzionale-  ha dimostrato negli anni la capacità di promuovere il sistema pur valorizzando il singolo”. Da quattro anni – ha sottolineato l'assessore a Cultura e Turismo della Provincia Maurizio Parma – la Provincia punta su Artigiano in Fiera e sulla Bit quali vetrine fondamentali in vista dell'esposizione universale e più in generale di un rilancio del sistema piacentino: il palcoscenico milanese è il biglietto da visita ideale per Piacenza. Molte aziende che hanno aderito negli anni scorsi hanno espresso soddisfazione per il ritorno ottenuto”.

“Nonostante le oggettive difficoltà del momento, abbiamo voluto confermare il sostegno alla manifestazione milanese – ha evidenziato Alessandro Saguatti, segretario generale della Camera di Commercio - per testimoniare alle imprese che occorre cercare nuovi mercati, aprirsi al confronto e diventare competitivi. L'appoggio della Camera di Commercio è andato all'allestimento dello stand e alle singole imprese”. “L'opportunità di promuovere le eccellenze produttive del territorio – ha concluso l'assessore al Turismo del Comune di Piacenza Tiziana Albasi - si contestualizza nella dimensione di Artigiano in Fiera come significativo contributo delle aziende piacentine, aziende che sono sostenute dalle istituzioni locali”. I produttori piacentini hanno ringraziato le istituzioni per il prezioso contributo, indispensabile per la partecipazione alla manifestazione.

Come hanno spiegato Elisabetta Virtuani e Cristina Cremonesi (responsabili della gestione dello stand) e la referente della Provincia di Piacenza Patrizia Serena, dal 30 novembre all'8 dicembre sono disponibili degustazioni di prodotti tipici (a pranzo e a cena); è stato inoltre realizzato un video promozionale – sulla base del format Gusto Piacenza (uno strumento di comunicazione innovativo per la promozione turistica piacentina: si tratta di un menu di viaggio dove gli ingredienti delle ricette sono gli elementi distintivi del territorio) che verrà caricato su YouTube e sui siti turistici piacentini.

Sono circa 45 le aziende piacentine presenti in fiera riunite in stand singoli o condivisi:  Luciano Vitolini, Spaziomusa di Lucia Longeri, Lodi e Marzocchi di Vittoria Caggiano, Sergio Fumi Valigeria Srl Amarcord, Il coyote di Julian Tomas Jacoby, Jute & Co Italia Srl, La Buca società agricola, pasticceria Mera, L'angolo salato di Delledonne Ambra, Pink route (che riunisce ventisette imprese condotte da donne), salumifico La Rocca, azienda agricola Dolce Pensiero, Paola Bolzoni, La Tollara società agricola, Il telaio, Justinjoy – IBS, Gianpaolo Bonomi, Lady Caffè, Mi Gusto Piacenza, azienda vitivinicola Santa Giustina, Il Cardo, Dolci Fantasie, Merlettificio Freguya, Case Monache. La “piazza piacentina” è collocata all'interno del Padiglione 5 nell'area riservata all'Emilia Romagna.

Si ricorda infine che per l'edizione 2013 della Fiera è attiva la nuova opportunità per gli espositori di Artigiano in Fiera denominata “Make Hand Buy”: si tratta di una piattaforma e-Commerce, più precisamente una vetrina online aperta 365 giorni l'anno, che consente di comunicare e promuovere la propria attività all'interno del mercato europeo, di presentare e vendere più efficacemente i propri prodotti, di rimanere in contatto diretto con la clientela in modo da aprire nuove opportunità di business.

“Artigiano in fiera” è aperto al pubblico dal 30 novembre all'8 dicembre dalle 10 alle 22,30.

GLI EVENTI

Piacenza è presente all’Artigiano in Fiera di Milano con una serie di appuntamenti dedicati ai produttori piacentini e con alcuni laboratori (promossi dal mattino fino alle 18,30). In particolare sono in programma degustazioni guidate di vino, formaggi, salumi ed altri prodotti tipici e i laboratori mani in pasta, per insegnare l’arte tradizionale della pasta fatta in casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Particolarmente coinvolgente sarà infine il concerto tenuto dallo Spirit Gospel Choir di Piacenza  nel tardo pomeriggio di sabato 7 dicembre (intorno alle 17,30) all’interno dell’area istituzionale piacentina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento