Cronaca Le Novate / Strada Farnesiana

Asilo Farnesiana, i video non sono stati manomessi

Incidente probatorio davanti al gip. Nella prossima udienza saranno visionati, poi l’indagine per maltrattamenti verso i bimbi, che vede indagate due maestre, si avvierà alla conclusione

Nessuna alterazione nelle registrazioni, per cui i video di ciò che avveniva al Nido Farnesiana saranno visionati in aula alla fine di maggio. E’ l’esito dell’incidente probatorio che si è svolto, il 26 febbraio, davanti al giudice per le indagini preliminari Stefania Di Rienzo, pm Antonio Colonna. In aula anche i periti che hanno esaminato i video. Dopo aver accertato che non ci sono state manomissioni sul materiale, l’audio e il video sono stati sincronizzati e l’udienza è stata rinviata. Si avvia così verso la conclusione l’inchiesta che vede indagate due maestre del nido, accusate di maltrattamenti. Le due donne sono difese dagli avvocati Luigi Alibrandi e Vittorio Antonini (che assistono Paola Vezzulli) e Monica Magnelli (che difende Giulia Rossi). A chiedere l’incidente probatorio (cioè l’acquisizione di una prova al di fuori del processo) erano stati i difensori, convinti che quei video possano spiegare che cosa era avvenuto ai bimbi nelle aule dell’asilo. Le due maestre vennero arrestate dai carabinieri il 25 maggio del 2017, accusate di maltrattamenti, e per loro furono disposti prima gli arresti domiciliari e poi la remissione in libertà. Le due insegnanti si sono sempre professate innocenti. Intanto, le due donne erano state insultate e ingiuriate su Facebook. Una di loro presentò 106 querele contro chi aveva scritto epiteti e frasi violente. Decine di persone hanno ricevuto il decreto penale di condanna, con l’accusa di diffamazione, che era stato chiesto dal sostituto procuratore Antonio Colonna, lo stesso magistrato che coordina l’indagine sui maltrattamenti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asilo Farnesiana, i video non sono stati manomessi

IlPiacenza è in caricamento