menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Associazione pendolari su rissa in stazione: «Vogliamo più sicurezza»

Ettore Fittavolini, presidente dell'associazione Pendolari Piacenza: «Da tempo immemorabile continuiamo a chiedere sicurezza reale ma risposte concrete non se ne vedono»

Ettore Fittavolini, presidente dell'associazione Pendolari Piacenza, ha diffuso una nota sui fatti avvenuti in piazzale Marconi domenica 25 ottobre: 

«Solidarietà totale ed incondizionata ai poliziotti rimasti feriti sabato, ma oggi già al lavoro, nel tentativo di sedare una rissa in piazzale Marconi. Peccato che gli arrestati, sottoposti a processo, chiesto ed ottenuto il patteggiamento, siano stati condannati ma, come al solito, abbiano beneficiato della sospensione condizionale della pena, invece di rimanere a meditare in carcere sui reati commessi. Grande deve essere la frustrazione delle forze dell'ordine che rischiano la vita per garantire l'ordine pubblico, subiscono anche conseguenze fisiche e si trovano i delinquenti, arrestati il giorno prima, liberi di reiterare le loro malefatte già il giorno dopo».

Fittavolini racconta la situazione che i pendolari vivono quotidianamente: «Nella fattispecie una rissa delle tante, che si susseguono con una frequenza impressionante, in un luogo che è una delle porte d’accesso della nostra città, strategico, e come tale dovrebbe essere il biglietto da visita di chiunque arrivi a Piacenza. Siamo invece nella terra di nessuno, ove i controlli latitano, ed una fauna variegata di nullafacenti fa proprio quello che vuole. In quest'area che noi pendolari siamo obbligati a frequentare ogni giorno per andare a lavorare o studiare altrove, abbiamo furti di biciclette e sulle autovetture, danneggiamenti, parcheggiatori abusivi che chiedono il pizzo e se non glielo dai vandalizzano la macchina, spaccio di sostanze stupefacenti, bivacchi di ubriachi ad ogni ora, con relative lordure e cocci di vetri di bottiglie rotte, in special modo nel parcheggio lato via dei Pisoni, ed altre amenità varie».

«I tanto sbandierati controlli - continua la nota - ai tempi della inaugurazione del piazzale rifatto male (parcheggi selvaggi, viabilità impazzita nelle ore di punta, attraversamenti pericolosi e spregio dei cartelli di divieto) con relativo presidio di agenti della municipale in bicicletta, non sono mai stati di fatti. Gli unici che ci hanno rimesso sono stati i pendolari, le cui biciclette sono state rimosse in virtù di una ordinanza (reiterata di anno in anno) che individuava come indecorosi i velocipedi (quelli sì pericolosi) e li sfrattava dal piazzale, eliminando le rastrelliere che da sempre costituivano il biglietto da visita di una città che, a parole, nella sua amministrazione predica sostenibilità ambientale ma nei fatti va per un'altra strada».

Il presidente dell'associazione si pone poi degli interrogativi: 

«Da tempo immemorabile continuiamo a chiedere sicurezza reale (non quella percepita delle classifiche, che cozza con la piccola criminalità di cui sono infarcite le cronache dei mezzi di  informazione piacentini) ma risposte concrete non se ne vedono, men che meno polizia municipale (ma non doveva esserci una cambio di rotta con il nuovo comandante?) della quale però percepiamo la presenza scritta, stante le continue esternazioni della sua componente più agguerrita. Sarà questo il nuovo modo di controllare il territorio e prevenire i reati?». 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento