Corridoio ittico a Isola Serafini, la Provincia cerca un controllore

La Provincia di Piacenza intende attivare una collaborazione finalizzata al controllo e contenimento delle specie ittiche invasive in corrispondenza delle strutture realizzate a Isola Serafini. Le domande devono pervenire entro il 4 gennaio

Isola Serafini

La Provincia di Piacenza intende attivare una collaborazione finalizzata al controllo e contenimento delle specie ittiche invasive in corrispondenza delle strutture realizzate a Isola Serafini nell'ambito del Progetto CONFLUPO LIFE+11 NAT\IT\188 , “Ripristino della connettività nel bacino di fiume Po e la riapertura delle vie migratorie in favore di Acipenser naccarii e di altre 10 specie”. 

L'attività verrà svolta in conformità alle norme vigenti in materia di polizia veterinaria di igiene pubblica e di benessere animale attraverso la stipula di una convenzione. A tal fine l'organizzazione che stipulerà la convenzione deve essere dotata di mezzi, strutture e personale idonei all'espletamento di dette attività. Possono stipulare le convenzioni le organizzazioni di volontariato che soddisfano determinati requisiti. La collaborazione decorre dalla data di stipula della convenzione fino al 30 giugno 2018, qualora la Commissione Europea ridetermini il termine di conclusione dell'attività. In caso contrario il termine è fissato al 31 dicembre 2017. L’onere derivante dall’attivazione della presente procedura è pari a 35mila euro La manifestazione di interesse deve essere inoltrata, entro il 4 gennaio 2017 alle 12 alla Provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento