Autocertificazione del reddito per il ticket: dal 1 luglio a riportarla sulle ricette dovrà essere il medico

Su disposizione della Regione Emilia Romagna, a partire dal 1 luglio, il codice relativo alla fascia di reddito cui appartengono gli utenti dovrà essere apposto, sulle ricette, da parte del medico prescrittore (medico di famiglia o specialista). Tutte le informazioni necessarie

Su disposizione della Regione Emilia Romagna, a partire dal 1 luglio, il codice relativo alla fascia di reddito cui appartengono gli utenti dovrà essere apposto, sulle ricette, da parte del medico prescrittore (medico di famiglia o specialista). 
Si tratta dei codici RE1, RE2, RE3, in base ai quali viene differenziata la quota di ticket da pagare. 
La misura, come si ricorderà, è stata applicata dalla Regione Emilia Romagna per evitare il pagamento di ticket generalizzati e indipendenti dal reddito, come invece previsto a livello nazionale.

Tali codici ora dovranno essere riportati al momento della prescrizione dai medici, che potranno desumerli automaticamente dai propri terminali, nel momento in cui emetteranno la ricetta, e non potranno più essere aggiunti a posteriori.   Di conseguenza, qualora la ricetta non riporti i codici di reddito (appunto RE1, RE2 o RE3), all’utente sarà applicata la classe di reddito massima, oppure dovrà tornare dal medico che ha emesso la ricetta per farsela rifare. Tale provvedimento si è reso tra l’altro necessario a seguito dell’introduzione della ricetta dematerializzata, che gradualmente sta sostituendo la ricetta cartacea, e che non prevede possibilità di modifica del proprio contenuto dopo l’emissione.

L’utente non deve sobbarcarsi alcun passaggio in più, in quanto, i codici relativi al reddito sono già accessibili ai medici prescrittori.

È però consigliabile che il cittadino:

·        controlli, prima di uscire dall’ambulatorio o dalla struttura sanitaria, che sulla ricetta che riceve dal medico sia riportato il codice;

·        verifichi che tale codice sia quello corretto, cioè quello riportato sulla propria autocertificazione validata dall’Azienda. In caso contrario dovrà rivolgersi agli appositi sportelli aziendali per correggere la propria posizione anagrafica;

·        ricordi che ogni anno, se la propria fascia di reddito è variata rispetto a quella autocertificata, deve rivolgersi agli sportelli aziendali per effettuare la variazione (l’Azienda effettua verifiche sulle fasce di reddito e in caso di incongruenze è tenuta a procedere con il recupero dei ticket impropriamente non versati). Questo provvedimento riguarda anche coloro che godono di esenzione ticket in quanto “lavoratori colpiti dalla crisi economica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento