Addio all'avvocato Massimo Burgazzi, anche lui vittima del Coronavirus

Aveva 59 anni, appassionato di sport cantava nel coro di Sant’Antonino. Lascia la moglie e due figli. Il presidente dell’Ordine: «Ci mancherà, abbiamo perso un grande uomo e un grande professionista»

Nel riquadro l'avvocato Massimo Burgazzi

Il coronavirus si è portato via Massimo Burgazzi. L’avvocato piacentino aveva 59 anni e tanta voglia di vivere. Increduli e addolorati i suoi colleghi che hanno perso «un gran professionista, serio sul lavoro quanto cordiale e simpatico nei rapporti umani. Una persona squisita. Ci mancherà. A nome di tutti gli iscritti porgiamo le condoglianze alla famiglia» ha detto commosso il presidente dell’Ordine degli avvocati, Giovanni Giuffrida. Burgazzi lascia nel dolore la moglie, un figlio di 12 anni e una di 18.

L’avvocato è morto all’ospedale di Parma, dove era stato trasportato dopo che le sue condizioni si erano aggravate. Tutti i colleghi del suo studio e la famiglia sono ora in quarantena. Uomo attivo e dai tanti interessi, Burgazzi faceva anche parte del coro della parrocchia di Sant’Antonino. Burgazzi ha avuto anche un passato come consigliere comunale di Forza Italia nella Giunta Guidotti, dal 1998 al 2002.

Un ricordo toccante lo dà Paola Battisti, in studio con lui insieme con Paolo Giorgi: «Dopo aver lavorato per anni con Eliseo Rossi, Massimo aveva aperto il suo studio e io lavoravo con lui. Mi ha accresciuto dal punto di vista umano e professionale. Era un uomo con una solida cultura. Sempre cordiale e con il sorriso, Massimo mi ha trasmesso la passione per la professione e il rispetto verso la Giustizia e verso tutte le persone». Battisti è toccata dalla perdita del collega ma sottolinea come «Massimo mi hi ha reso una persona migliore. In studio era il punto di riferimento per ogni cosa. Ma soprattutto era onesto intellettualmente».

Addolorato anche Alessandro Bossalini, presidente del circolo della scherma Pettorelli: «Era un amico. Grande appassionato di sport e persona gioviale, riusciva sempre a portare il buonumore. Per anni ha seguito con passione la figlia nelle gare di spada in tutta Italia. Tutto il Pettorelli abbraccia la figlia e si stringe attorno alla famiglia. E’ una perdita grandissima per tutti coloro che lo hanno conosciuto».

IL SINDACO: «PERSONA BRILLANTE CHE SI ERA MESSA AL SERVIZIO»

Il sindaco Patrizia Barbieri, appresa la notizia della scomparsa dell’ex consigliere e capogruppo di Forza Italia, ne ricorda «la personalità brillante e la capacità di coinvolgimento, che aveva messo a servizio della comunità piacentina scegliendo di affiancare, all’attività professionale per la quale era conosciuto e stimato, anche l’impegno nell’assise cittadina». «In queste ore – aggiunge il sindaco Barbieri – Piacenza vive lo sgomento per la scomparsa di due personalità pubbliche, Massimo Burgazzi e Nelio Pavesi, che hanno sempre operato per difendere e tutelare il nostro territorio. In più occasioni, da quando è iniziata questa emergenza sanitaria, ho voluto esprimere la mia solidarietà, come sindaco, a tutti coloro che devono confrontarsi con il dolore più grande per la perdita dei propri cari. Oggi, anche il ricordo di Massimo fa sì che questo sentimento sia, per me, profondamente personale e condiviso, perché se ne è andato un collega e un amico».

FOTI: «PROFESSIONISTA SCRUPOLOSO CON LA PASSIONE DELLA POLITICA»

Così lo ricorda Tommaso Foti, deputato di Fratelli d’Italia: «L’amicizia con Massimo Burgazzi nata per via della comune frequentazione del Respighi si era consolidata sui banchi del consiglio comunale di Piacenza. Professionista scrupoloso, amava la sua famiglia e nella passione per la politica non ha mai perso la signorilità che gli era propria. Ancora pochi giorni fa ci eravamo casualmente incontrati e ci eravamo ripromessi di vederci volendo lui suggerirmi lo spunto per una proposta di legge. Apprendere della sua assurda scomparsa è una vera e propria coltellata al cuore. A Camilla, ai figli, ai parenti tutti un abbraccio ed il cordoglio per il grande dolore che la perdita di una persona perbene lascia in tutti coloro che lo hanno conosciuto».

GIROMETTA (FI): «HA SEMPRE CONDIVISO I NOSTRI IDEALI»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’infezione da Coronavirus – è intervenuto anche il commissario provinciale di Forza Italia Gabriele Girometta - ci ha portato via in una sola giornata due stimati professionisti con una passata e presente passione per la politica a servizio dei cittadini. Alla notizia della scomparsa dell’attuale consigliere Comunale a Piacenza Nelio Pavesi, arrivata in mattinata, si è aggiunta nel pomeriggio quella di Massimo Burgazzi, stimato avvocato del foro di Piacenza, già capogruppo per Forza Italia sempre nel consiglio cittadino dal 1998 al 2002 e successivamente nel consiglio di amministrazione di Tempi SpA. Massimo era anche il nipote di Angelo, forzista da sempre e ancora oggi molto attivo nel gruppo seniores di Forza Italia, partito di cui Massimo ha sempre condiviso ideali e progetti. Così questo nemico di una guerra silenziosa che prende a caso ci ha portato via due persone stimate e capaci a distanza di qualche ora. Esprimiamo sentimenti di dolore anche per la repentina scomparsa di Nelio Pavesi, consigliere comunale della Lega a Piacenza: ricordiamo la sua fervida attività per la promozione della cultura musicale e artistica in generale dovuta anche alla sua grande esperienza come maestro e docente di musica. La politica piacenza perde un uomo di indubbio valore sia dal punto di vista della preparazione che umano, ma soprattutto un consigliere comunale che voleva bene alla città. In questo contesto vogliamo ricordare anche la figura di Sandro Dialuce, scomparso improvvisamente nei giorni scorsi e già consigliere comunale a Fiorenzuola d'Arda dal 2011 al 2013. Nel capoluogo della Val d'Arda Sandro era molto conosciuto, stimato e apprezzato non solo come carabiniere ma anche come persona umana fortemente legato al suo territorio e a Forza Italia: da Ottobre 2016 faceva parte della Commissione Consiliare 'Ambiente e Territorio'. Persona attenta, capace e sempre disponibile, era stato presente anche ai banchetti promossi dal partito durante la recente campagna elettorale regionale. A tutte queste persone va il nostro grazie per aver dato un grande esempio di impegno civile e sociale e ai loro parenti e ai loro cari l'abbraccio e le più sentite condoglianze da parte di Forza Italia Piacenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento