rotate-mobile
Cronaca

Avvocato piacentino salvato con il defibrillatore nel suo studio

Intervento del 118 e della Croce bianca nella zona del tribunale. L'uomo, 75 anni, ora si trova in terapia intensiva

E’ stato grazie al tempestivo intervento del 118 e di un equipaggio della Pubblica assistenza Croce Bianca che l’altro giorno è stato possibile salvare la vita di un uomo colto da arresto cardiaco improvviso. Si tratta di un avvocato piacentino di 75 anni che si è sentito male nel suo studio vicino al tribunale di Piacenza. Il 118 ha inviato sul posto l’ambulanza e l’automedica. Non appena giunti sul posto, i sanitari hanno capito che l’uomo era in arresto cardiaco e hanno subito utilizzato il defibrillatore che ha emesso alcune scariche. Alla fine il cuore dell’uomo ha ripreso a battere. Trasportato d’urgenza in ospedale a Piacenza, attualmente è ancora sotto costante monitoraggio in terapia intensiva.

«Attendiamo almeno 48 ore prima di valutare eventuali conseguenze dell’arresto cardiaco che ha colpito il paziente» spiega Daniela Aschieri, cardiologa responsabile di Progetto Vita Piacenza».
«Interventi salvavita come questo - sottolinea il medico piacentino - fanno capire da un lato l’importanza di un intervento entro i 5 minuti, e dall’altro la diffusione della defibrillazione extraospedaliera precoce, e in particolare la capillarità degli apparecchi defibrillatori sul territorio, soprattutto all’interno dei condomini e negli uffici. Questo ci permetterà di impattare sensibilmente dal punto di vista statistico sulla mortalità legata a una patologia, l’arresto cardiaco, che è reversibile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvocato piacentino salvato con il defibrillatore nel suo studio

IlPiacenza è in caricamento