menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Baldino

Luca Baldino

Baldino: «Tempi di attesa azzerati. "Multa" per chi prenota un esame e non si presenta»

Baldino (Ausl): «Abbiamo centrato l'obiettivo, ora abbiamo il compito di mantenere questi risultati nel tempo. Ci avevano chiesto di ridurre i tempi di attesa per viste ed esami e ce l'abbiamo fatta». Assunti 6 nuovi medici e aggiunte 10mila ore di specialistica convenzionata per le visite più critiche

«Abbiamo centrato l'obiettivo, ora abbiamo il compito di mantenere questi risultati nel tempo. Ci avevano chiesto di ridurre i tempi e ce l'abbiamo fatta», con questa affermazione il direttore generale dell'Ausl di Piacenza, Luca Baldino commenta di dati sui tempi di attesa per visite ed esami medici nella nostra città. Nella prima settimana di dicembre infatti su 2.085 prestazioni mediche prenotate, 2.064 sono quelle che hanno rispettato i tempi (il 99%). «Quando il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ci ha chiesto questo sforzo, ho temuto di non arrivare a mangiare il panettone, ma ad oggi possiamo dirci veramente soddisfatti: il 90% delle visite specialistiche vengono svolte entro 30 giorni e anche il 90% delle prestazioni strumentali vengono erogate entro i 60 giorni», continua. 

Attivazione di ore aggiuntive (10mila) di specialistica convenzionata per le visite più critiche, reclutamento di nuovo personale, sei medici, in neurologia, ortopedia, cardiologia, urologia, dermatologia e radiologia, ampliamento dell'offerta di prestazioni ambulatoriali nell'ambito del contratto di fornitura annuale con le case di cura private accreditate, estensone dell'orario di accesso al sabato mattina per alcune prestazioni e avviamento dell'overbooking dinamico, controlli più costanti e puntuali sugli utenti che non si presentano gli appuntamenti senza disdire (possibile "malus" ancora da quantificare), da settembre gli utenti possono pagare il ticket in tutte le farmacie del territorio, nuovo sistema informatico per il monitoraggio quotidiano delle attività, e pianificazione di un programma formativo per tutti gli operatori del front office (anche call center) per aumentare la soddisfazione dell'utenza e diminuire errori di prenotazione. Queste in sintesi le azioni messe in campo dall'azienda a Piacenza nel corso dell'anno. 

«Nel 2016 confermeremo questo enorme sforzo e continueremo il monitoraggio in tempo reale delle richieste per intervenire dove necessario e corregere eventuali errori, molta attenzione sarà invece prestata all'appropriatezza della prescrizione e alla riduzione dei "buchi" di chi prenota e non si presenta, e infine in tutta la regione si potrà tra qualche mese utilizzare un'app che consente la disdetta in tempi velocissimi, così da lasciare spazio a qualcun'altro. Vorremmo in conclusione avviare un sistema simile di prenotazione anche per gli interventi chirurgici, specialmente quelli oncologici». Conclude Baldino. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento