«Se ci vedessero fare così ci arrestano». Bambini picchiati senza motivo ogni giorno

Le indagini, condotte dai carabinieri della Levante, sono scattate nell'aprile del 2017 grazie al coraggio di una loro collega che ha denunciato le violenze alle quali aveva assistito. Quattro i "cuccioli" dai 12 ai 18 mesi, così li ha definiti il sostituto procuratore Antonio Colonna, presi maggiormente di mira

Un momento della conferenza stampa in procura (foto Andrea Pasquali)

«Se ci vedessero fare questo ci arresterebbero», si dicevano, non sapendo di essere ascoltate, le due educatrici dell'asilo Nido Farnesiana arrestate il 25 maggio dai carabinieri della stazione Levante. Le donne piacentine, 53 e 31 anni, arrestate in flagranza di reato, ora si trovano alle Novate con l'accusa di maltrattamenti. Sono state bloccate dai militari dopo che avrebbero schiaffeggiato, per l'ennesima volta, alcuni bambini. Le indagini, condotte dai carabinieri della Levante guidati dal maresciallo Marco Orlando, sono scattate nell'aprile del 2017 grazie al coraggio di una loro collega che ha denunciato le violenze alle quali aveva assistito. Da quel momento i carabinieri hanno installato telecamere e microfoni per capire se quanto riferito fosse vero ed effettivamente hanno visto le due donne mentre, senza nessun motivo, si sarebbero accanite contro i piccoli. Quattro i "cuccioli" dai 12 ai 20 mesi - così li ha definiti il titolare delle indagini, il sostituto procuratore Antonio Colonna - presi maggiormente di mira. 

«Avevano un comportamento violento senza nessun motivo. In questo caso non si tratta di abusi di mezzi di correzione ma proprio di atteggiamenti abituali e quotidiani di accanimento e di violenza verbale e fisica su soggetti che non avevano nessuna possibilità di riferire ai genitori quanto succedeva loro», ha dichiarato il sostituto procuratore Roberto Fontana. Le due donne, fanno sapere gli inquirenti, lavoravano sempre insieme e si prendevano cura di circa 12 bambini, sostenendosi l'una con l'altra nelle condotte violente e offensive nei confronti dei piccoli. Gli episodi accertati avvenivano in un'aula spesso dopo pranzo quando i bambini facevano il pisolino pomeridiano: chi non voleva dormire veniva letteralmente lanciato sui lenzuoli, o preso per una caviglia e alzato di peso a testa in giù, o bloccato a terra con una gamba sul collo. Durante un pranzo una delle due avvertiva un bimbo non italiano di fare attenzione alla minestra troppo calda e la collega interveniva dicendo: «Lui può anche bruciarsi», delineando una condotta quasi razzista, sostengono i magistrati. 

I carabinieri escludono categoricamente violenze di tipo sessuale sui bimbi che invece sarebbero stati più volte al giorno insultati: «Sei un cretino», «Sei un deficiente», «Ti spacco la testa in due». E poi schiaffi, manate in testa e addirittura sembra, dalle intercettazioni ambientali, che qualche piccolo possa essere stato legato con del nastro adesivo: «Portamelo che lo "scoccio"» e l'altra: «Ah, sì come avevo già fatto io. Fallo, fallo». Dalle intercettazioni i carabinieri hanno scoperto che, durante una riunione tra educatrici, una avrebbe avanzato qualche perplessità sul metodo educativo definito "tropppo ruvido" delle due colleghe, ma la 53enne le avrebbe risposto che si sarebbe dovuta adeguare o poteva licenziarsi. «Un lavoro notevolissimo, un'indagine condotta in maniera eccelsa», ha commentato il capitano della Compagnia Carabinieri di Piacenza, il capitano Stefano Bezzeccheri. Il blitz dell'Operazione Chicco 2.0 è scattato nella tarda mattinata del 25 maggio quando, in diretta, i militari della Levante, che non hanno mai staccato gli occhi e le orecchie dai video e dai microfoni per tutta la durata delle indagini, hanno assistito all'ennesimo episodio di violenza. Non si poteva più aspettare e hanno fatto scattare le manette alle due donne. La più anziana, la 53enne, avrebbe detto loro: «Sì, avete ragione». Ora si trovano alle Novate in attesa dell'interrogatorio di garanzia. 

LA COMUNICAZIONE UFFICIALE DEL NIDO FARNESIANA - "Il Nido Farnesiana informa che l’attività del servizio continua senza interruzioni e che viene garantito alle famiglie tutto il supporto e l’informazione legate alla situazione. Registriamo da parte delle famiglie fiducia e noi con loro chiediamo che sia fatta chiarezza fino in fondo su quanto viene contestato alle due educatrici. In via cautelativa le educatrici coinvolte sono state sospese dal servizio e sostituite da altro personale con titoli ed esperienza adeguate al ruolo. Nel pomeriggio del 26 maggio alle 16 è stata convocata un’assemblea dei genitori per affrontare insieme la situazione. Da parte nostra assicuriamo l’impegno massimo per mantenere un ambiente sereno e un clima educativo a tutela dei bambini e delle famiglie"

Il commento del sindaco Paolo Dosi sulla vicenda - Leggi qui

VIDEO - GLI INQUIRENTI RACCONTANO LE INDAGINI

Schermata 2017-05-26 alle 14.26.14-2

VIDEO - IL BLITZ DEI CARABINIERI NELL'ASILO

Schermata 2017-05-25 alle 20.04.00-2



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento