Bambino accoltellato, denunciato il nonno: «Stavo sbucciando una pesca, mi è venuto addosso»

I poliziotti delle volanti hanno denunciato per lesioni aggravate il nonno del piccolo arrivato in pronto soccorso nella serata del 20 agosto con una ferita all'addome provocata da un coltello. Il piccolo, operato, sembra fuori pericolo

Immagine di repertorio

«Stavo sbucciando una pesca, avevo il coltello in mano, mio nipote correva, mi è venuto addosso e si è ferito». Questa la versione che il 53enne moldavo, nonno del bambino di 7 anni ricoverato nella serata del 20 agosto in ospedale, ha fornito ai poliziotti delle volanti allertati dai sanitari del pronto soccorso. L'uomo, già in cura nel suo Paese per alcuni problemi mentali, era venuto a trovare per le vacanze estive il nipote che vive con i genitori in città. I due erano soli in casa quando il piccolo si è ferito con un coltello da cucina, poi sequestrato dagli agenti. Il nonno poco dopo l'accaduto ha portato il nipote in ospedale. Il piccolo si sarebbe confidato con un medico dicendo di essere stato ferito dal nonno, di lì la chiamata al 113. E' stato operato d'urgenza: la ferita, sul fianco sinistro, era profonda e nonostante la progonosi non sia ancora stata sciolta, non sembra però in pericolo di vita. Il 53enne, sentito a lungo dai poliziotti, è stato denunciato per lesioni aggravate. L'uomo è stato infine ricoverato nel reparto di Diagnosi e Cura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento