Banca del Tempo, presentati i nuovi sportelli dell'associazione

La funzione dell'associazione Banca del tempo e dei saperi di Piacenza consiste nella gestione di una comunità di persone che si scambiano saperi, servizi, prestazioni e beni utilizzando come "moneta di scambio" il tempo

La Biblioteca di strada (immagine di repertorio)

La funzione dell'associazione Banca del tempo e dei saperi di Piacenza consiste nella gestione di una comunità di persone che, in modo alternativo rispetto a quanto avviene nel mercato tradizionale, si scambiano saperi, servizi, prestazioni e beni utilizzando come "moneta di scambio" il tempo. Inoltre il sistema BdT ha nelle proprie finalità il proposito di avvicinare le persone, agendo come strumento in grado di rompere l'isolamento, e ancora di sviluppare la cultura del mutuo aiuto e delle relazioni solidali attraverso lo scambio di prestazioni gratuite e benevole tra i soci, incrementare relazioni non formali e non professionali tra le persone rispondendo al bisogno di maggiore socialità, specialmente in un momento di crisi come quello che viviamo oggi, creare rapporti di buon vicinato e di comunità al fine di superare il senso di anonimato e di sradicamento soprattutto nei soggetti bisognosi, deboli ed isolati, demonetizzare la vita, sottraendola al potere assoluto del denaro, specialmente dove il senso di umanità, solidarietà e amicizia deve prevalere.

Proposito fondamentale è che gli scambi si svolgono senza alcuna intermediazione di carattere monetario e che l’unica unità di quantificazione è il tempo impiegato.

Attività di sportello. Ha la sua continuità con la presenza delle coordinatrici e/o soci nelle Sedi di Via Musso, la sede del Comune di Piacenza di via Beverora il venerdì dalle 10,30 alle 12,30

Nella mattinata del 25 gennaio si è tenuta la presentazione dell'apertura dei nuovi sportelli della Banca del Tempo e dei Saperi, presso la biblioteca di strada di via Serravalle Libarna, il Centro per le Famiglie della Farnesiana e di via Torricella. A illustrare i dettagli dell’iniziativa, sono intervenuti l'assessore alle Pari Opportunità Giulia Piroli, la responsabile del Centro per le Famiglie Barbara De Biasio e la referente della Banca del Tempo Isabelle Detrez.

Nuove attività di sportello aggiunte: 

presso la sala di lettura di via Serravalle dove l'associazione gestisce la "Bibliioteca di strada" il mercoledì dalle 9 alle 11 e il giovedì dalle 13 alle 15

c/o Centro per la Famiglie del centro commerciale Farnesiana Galleria del Sole il sabato dalle ore 9 alle ore 11 a partire dal 30 gennaio 2016

c/o Centro per le Famiglie di via Torricella ogni primo lunedì di ogni mese dalle 12 alle 13 a partire dal primo febbraio 2016.

Attività di socializzazione. Negli anni passati sono state messe a punto diverse  attività che tuttora si svolgono: esercitazioni in lingua straniera, serate creative, conferenze, laboratori di cucito, incontri focalizzati su un tema (tarocchi, cucina, vino, viaggi etc.), camminate in compagnia.

A tali attività si sono aggiunti discussioni attorno ad un tema sviluppato con l’aiuto di libri, aperitivi mensili, visite a mostre, la ripresa della creazione del servizio libri negli ospizi e ospedali banca libri. 

Attività di scambi: piccoli lavori in casa, per….corso di cucito, conversazioni individuali/gruppo in diverse lingue, aiuto informatico, baby sitting, aiuto giardinaggio, aiuto biblioteca, sala di lettura, corsi di cucine e degustazione.

La Banca del tempo, pur non avendo le caratteristiche di un'associazione di volontariato, darà continuità alla collaborazione con le altre associazioni con progetti e iniziative (Pulcheria, Pedibus, Festival del diritto ecc).

Cos'è la Banca del Tempo e dei Saperi di Piacenza?

Inaugurata nel maggio del 2004, la Banca del Tempo e dei Saperi di Piacenza è un'associazione che riunisce persone che si scambiano volontariamente servizi e prestazioni di vario genere al di fuori delle logiche del mercato tradizionale. Conta oggi più di 100 soci impegnati a scambiare vari servizi e i saperi.

Come funziona la Banca del Tempo e dei Saperi di Piacenza?

Ciacun iscritto/a dichiara i servizi che mette a disposizione degli altri e, a sua volta, ciò di cui ha bisogno. La lista dei servizi offerti è a disposizione di tutti i soci: in questo modo si crea una vera e propria rete di offerte e richieste.

Lo scambio avviene quando un associato usufruisce di un servizio offerto. Il valore di questo servizio è contabilizzato in ore, e un'ora di un determinato servizio vale quanto un'ora di un qualsiasi altro servizio, a prescindere dai parametri di costo utilizzati nel mercato tradizionale. La moneta di scambio, infatti, non è il denaro ma il tempo. Il meccanismo non è quello dello scambio a due ma quello della ridistribuzione delle prestazioni a secondo della domanda e/o offerta. Le ore di scambi di servizi/saperi fra gli iscritti sono gestite dagli operatori.

Perché la Banca del Tempo e dei Saperi?

Perché le Banche del Tempo promuovono delle forme innovative di collaborazione fra i cittadini, contribuiscono a superare le barriere del pregiudizio, facilitano la comunicazione e i rapporti fra le persone e favoriscono l'incontro fra generazioni, attraverso la frequentazione e gli scambi degli associati.

L'idea è nata nell'Europa del Nord ma, da oltre dieci anni  a questa parte, hanno preso piede anche da noi: oggi in Italia si contano quasi 300 Banche del Tempo con circa 5mila associati.

Le sedi

L'Associazione Banca del Tempo e dei Saperi di Piacenza, che ha la sua sede principale presso la Casa delle Associazioni in via Musso n. 5 svolge la propria attività con la seguente programmazione c/o la sede del Comune di Piacenza in via Beverora n. 59 il venerdì dalle 10.30 alle 12.30.

Sede alla quale si sono ora aggiunte:

- c/o la sala di lettura di via Serravalle Libarna dove l'associazione gestisce la "Biblioteca di strada" il mercoledì dalle 9.00 alle 11.00 e il giovedì dalle 13.00 alle 15.00.

- c/o Centro per le Famiglie del centro commerciale Farnesiana / Galleria del Sole ogni sabato dalle 9.00 alle 11.00 a partire dal 30 gennaio 2016.

- c/o Centro per le famiglie di via Torricella il primo lunedì di ogni mese dalle 12.00 alle 13.00 a partire dal 1° febbraio 2016.

Che cosa si può scambiare?

Dall'aiuto in casa, lavori domestici, chitarra, cucito, stiratura, accompagnamento bambini, alla cura degli animali domestici; dalla scoperta dei segreti in cucina alle conversazioni in lingua, dall'aiuto in informatica al difficile disbrigo di cartelle burocratiche; dalla biblioteca interna alla disposizione di un camioncino per vuotare la cantina.

Come aderire. Per offrire i propri servizi e saperi, per riceverne in cambio occorre contattare la Banca del Tempo e dei Saperi di Piacenza presentando un'apposita domanda durante l'apertura degli sportelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento