Cronaca

Barista raggirato alla cassa prende il numero di targa: truffatore condannato a 10 mesi

Con il vecchio trucco di creare confusione per confondere il barista e fargli consegnare un resto sbagliato, lo avevano alleggerito di 90 euro. La vittima se ne era accorta troppo tardi e quando aveva inseguito i truffatori li aveva solo visti allontanarsi su un’auto. Era riuscito, però, a segnare il numero della targa

Con il vecchio trucco di creare confusione per confondere il barista e fargli consegnare un resto sbagliato, lo avevano alleggerito di 90 euro. La vittima se ne era accorta troppo tardi e quando aveva inseguito i truffatori li aveva solo visti allontanarsi su un’auto. Era riuscito, però, a segnare il numero della targa. E tanto è bastato per identificare la coppia e farne condannare uno, per truffa, alla pena di dieci mesi.

Il giudice Ivan Borasi (pm Giulio Massara), inoltre, non ha concesso la sospensione cautelare della pena perché il truffatore era recidivo. E così, quando la condanna diventerà definitiva, finirà in carcere.

Si è concluso il 6 febbraio il processo nei confronti di un italiano di 29 anni (per l’uomo che era con lui era stata rimessa la querela). Nel 2010, i due, secondo la denuncia del barista erano entrati in un locale pubblico a Montale. Per pagare il contro di 6 euro avevano estratto una banconota da 100. E qui è cominciata la recita. Uno dei due aveva detto di aver trovato la moneta in contanti e di volere i suoi cento euro, nel frattempo il barista aveva già consegnato il resto di 94 euro. A quel puto, l’altro uomo aveva detto di voler pagare con una banconota da 50 euro. Momenti di confusione totale che hanno ingannato il barista. Subito dopo che i due avevano lasciato il bar, il proprietario si era accorto del raggiro e li aveva inseguiti, riuscendo a vedere il numero della targa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barista raggirato alla cassa prende il numero di targa: truffatore condannato a 10 mesi

IlPiacenza è in caricamento