menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Beni Culturali e Nuove tecnologie, l'app su Piacenza protagonista di un convegno a Lubec

Molte le esperienze e le buone pratiche che verranno presentate in un workshop dedicato alla "comunicazione4all" perché il tema del raggiungimento di nuovi pubblici rappresenta la vera sfida di crescita e di diffusione del patrimonio culturale

Microlocalizzazione, Indoor location, Realtà Aumentata, Realtà Virtuale, Touch Screen, 3 e 4D, Glass, queste sono alcune delle nuove applicazioni Ict al servizio di una Museum Experience e di uno Smart Tourism, per divulgare, promuovere e interagire Beni Culturali e Territori: questi gli obiettivi che sono diventati ampiamente condivisi dalla comunità degli operatori che ruota intorno alla filiera beni culturali – tecnologia – turismo. A Lubec la rassegna lucchese sui Beni Culturali e le Nuove tecnologie, giunta alla 11 edizione, si incontreranno esperti di settore coinvolti nel profondo processo di rinnovamento della comunicazione innescatosi con la nascita delle tecnologie digitali, con l’obiettivo di raggiungere un’utenza sempre più ampia.

Le nuove tecnologie per la comunicazione del patrimonio artistico e del territorio possono avere interessanti ricadute economiche, come sarà approfondito con esperti provenienti da vari settori istituzionali e industriali e dal mondo accademico legati alla progettazione e alla gestione dei culturale e del territorio. Attraverso le nuove tecnologie multimediali è possibile un nuovo approccio alla comprensione del patrimonio artistico e del territorio, mediante percorsi di visita personalizzati "virtuali" e interattivi che consentono di raggiungere fasce di utenza e di pubblico che difficilmente sarebbero stati coinvolgibili con strumenti tradizionali e che possono diventare fruitori di nuove modalità di accesso e di consumo.

Molte le esperienze e le buone pratiche che verranno presentate in un workshop dedicato alla "comunicazione4all" perché il tema del raggiungimento di nuovi pubblici la cosiddetta Audience Development rappresenta la vera sfida di crescita e di diffusione del Patrimonio Culturale.

Se un tempo la conquista era raggiungere un luogo, oggi è conoscerne tutti i segreti utilizzando lo smartphone che è ormai parte integrante della nostra vita. Marco Boeri di UltravioletApp porta a Lubec l’esperienza sviluppata per la Città di Piacenza: «L’app Piacenza consente di visitare la città lasciando che sia lei stessa a raccontarsi proponendo dei percorsi tematici, guidando i visitatori verso i punti d’interesse precedentemente selezionati ed inseriti tra i preferiti o ancora avvisando quando, passeggiando liberamente, ci si trova in prossimità di qualcosa di notevole mostrando una notifica con testi, gallery di immagini, contenuti audio e video. Piacenza, grazie alla piattaforma IMApp (basata sulla tecnologia iBeacons) e vero cuore dell’app, non abbandona i visitatori neanche quando varcheranno la soglia dei Musei Civici di Palazzo Farnese (altri musei cittadini verranno inseriti a breve) perché, grazie ai beacons, piccoli emettitori bluetooth posizionati in prossimità dei punti d’interesse, l’esperienza di visita all’aperto si trasferisce all’interno, compresa la navigazione dalla posizione del visitatore ad una destinazione prescelta. E se quello si sta ammirando gli è piaciuto particolarmente, può condividerlo sui principali social network. I contenuti possono essere caricati e modificati in tempo reale e si può controllare lo stato del sistema, interagendo con tutti gli utenti o solo con quelli che si trovano in prossimità di uno o più beacon grazie ad un semplice pannello web».

A Lubec quindi va in scena una panoramica delle più sofisticate tecnologie Ict di ultima generazione applicabili al settore dei Beni Culturali, con riferimento alle problematiche di impatto sugli stessi e sull'utenza e ai possibili vantaggi e a risultati provenienti da applicazioni già sperimentate in uno scenario di crescita esponenziale della domanda turistica rivolta a città e patrimoni d'arte. L’obiettivo complessivo dell’applicazione dell’ICT al mondo dei Beni Culturali e del Turismo è la realizzazione di una sinergia per implementare metodi di comunicazione e di strumenti di ultima generazione più adatti ad agevolare la fruizione e a rendere "attivo" il ruolo del pubblico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento