Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bimbi maltrattati, gli inquirenti: «Violenza gratuita su piccoli indifesi e discriminazioni razziali»

Le due educatrici restano in carcere. Magistrati e carabinieri illustrano le indagini che hanno portato agli arresti

 

Due educatrici di un asilo nido della Farnesiana, a Piacenza, sono in carcere con l’accusa di maltrattamenti su minori. Piacentine entrambe, una di 53 anni, l’altra di 31. Parliamo di maltrattamenti reiterati nel tempo, stando alle indagini svolte con telecamere e microfoni ambientali, su bimbi tra i 12 e i 18 mesi che non solo non potevano difendersi ma non erano nemmeno in grado di raccontare ciò che accadeva loro. Un’indagine che a Piacenza non ha precedenti questa svolta dai carabinieri della stazione di Piacenza levante coordinati dalla Procura. E proprio in Procura sono stati forniti i dettagli sconcertanti dell’operazione: violenza gratuita, quotidiana e reiterata nel tempo su piccoli indifesi, in un caso anche per motivi razziali. Maltrattamenti accertati su quattro bimbi soprattutto nel momento del riposino pomeridiano dopo pranzo: «Venivano lanciati sulle stuoie a terra, a volte di faccia» è stato detto. In un caso si è parlato di legare i bambini con del nastro adesivo. Ci sono immagini che mostrano come alcuni bimbi venissero costretti a dormire schiacciandoli con la ginocchia sulla stuoia. In un altro caso si vede una delle due educatrici sollevare per una caviglia uno dei bambini per sistemargli il lenzuolo. E poi schiaffi, insulti come «ti apro la testa». Profetica una conversazione intercettata tra le due donne arrestate: «Se ci vedessero fare quello che facciamo, ci arresterebbero». 

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento