Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Blasco lascia la Squadra Mobile: «A Piacenza rimane un pezzo di cuore»

 

Il commissario capo Salvatore Blasco dopo tre e anni mezzo alla guida della squadra mobile di Piacenza lascia per andare a ricoprire lo stesso incarico a Livorno. Al suo posto arriva la 35enne Serena Pieri dall'Immigrazione della questura di Milano.  Blasco, avvocato, diventa commissario nel 2010, poi è stato vicedirigente del commissariato di San Fruttuoso di Genova e dopo un anno e mezzo nel dicembre del 2013 è arrivato a Piacenza dove ha sempre guidato la Mobile. Ha ricreato da zero la sezione narcotici. «A Piacenza lascio un pezzo di cuore. I miei uomini sono cresciuti tanto e io con loro: siamo diventati una squadra forte composta da professionisti. La città mi ha dato tanto. Voglio ringraziare la Procura e tutti i sostituti per la collaborazione. Tre anni e mezzo molto intensi che non dimenticherò mai», ha dichiarato Salvatore Blasco. Tra i casi affrontati ricordiamo il delitto Manesco nel 2014, l'omicidio di Michela Ciannarella nel parcheggio della discoteca Village nel 2014, l'omicidio del capocuoco al ristorante cinese di via Passerini nel 2014, l'accoltellamento in piazza Cavalli nel dicembre 2014, la maxi operazione Good News, gli arresti dell'associazione di nomadi che circuiva anziani, l'Operazione Melik e l'arresto del boss dopo un anno di latitanza, gli arresti dei componenti della banda dell'Unieuro, la rapina sventata al Bingo di Borgotrebbia, e l'omicido di Quarto e quello del camionista nell'area di servizio dell'A1 a Fiorenzuola.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento