Blocchi Ikea, «Non picchiò i carabinieri»: assolto 37enne di Modena

Marcello Pini del collettivo modenese Guernica il 26 luglio 2014 aveva partecipato alla manifestazione a livello nazionale organizzata dal sindacato Si Cobas davanti al deposito Ikea di Piacenza. Accusato di resistenza e lesioni è stato assolto

Un momento della manifestazione del 26 luglio 2014

Era accusato di resistenza e lesioni nei confronti di due carabinieri ma è stato assolto nella giornata del 19 novembre. Protagonista della vicenda un 37enne di Modena che il 26 luglio del 2014 aveva preso parte a uno dei tanti blocchi che si sono verificati negli ultimi 4 anni davanti al deposito centrale di Ikea al polo logistico a Piacenza. Marcello Pini del collettivo modenese Guernica aveva partecipato alla manifestazione a livello nazionale organizzata dal sindacato Si Cobas, da sempre al fianco dei facchini impiegati in Ikea, ma non solo, "Kill Billy".

pini boni ikea-2Durante la manifestazione non erano mancati attimi di tensione con le forze dell'ordine duranti i quali Pini, "rinchiuso" con altri compagni in un angolo da un cordone di polizia e carabinieri racconta di essere stato preso a manganellate. Sucessivamente era stato accusato di aver fatto resistenza a due carabinieri e di averli feriti ma lui ha sempre sostenuto di aver solo fatto resistenza passiva. Nella mattinata del 29 novembre l'assoluzione per il 37enne incensurato, in tribunale, come aveva chiesto il pm e il suo avvocato Tatiana Boni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento